Dimissioni? Stefàno diserta il Consiglio

Taranto. Nel Consiglio comunale di oggi, il primo cittadino di Taranto, indagato nell’inchiesta Ilva, avrebbe dovuto il proprio mandato, ma non si è presentato in aula

TARANTO – Tutto pronto per le dimissioni. Peccato che chi doveva dimettersi, ovvero il sindaco di Taranto Ippazio Stefàno, ha disertato l’appuntamento. E così al Consiglio comunale che ha preso il via alle ore 10 di oggi il primo cittadino non c’era. Di conseguenza, non ha rimesso il mandato, come invece aveva annunciato nei giorni scorsi. Stefàno è indagato nell’ambito dell’inchiesta sull’Ilva “Ambiente svenduto”. Risponde di abuso ed omissione di atti d’ufficio. Saputo della notizia attraverso la stampa (ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna notifica), aveva pubblicamente detto che avrebbe abbandonato la fascia tricolore al primo Consiglio comunale utile. Ed il primo Consiglio utile è arrivato. Stamattina. Del resto, in campagna elettorale aveva adottato il motto “No assessori indagati in Giunta”. La regola vale anche per il sindaco o no? 29 aprile 2013 Ilva, il sindaco Stefàno pronto a dimettersi TARANTO – Si potrebbe dimettere oggi, in Consiglio comunale, così come ha annunciato nei giorni scorsi. Per potersi difendere e per permettere alla giustizia di fare il suo corso. Ippazio Stefàno, sindaco di Taranto, è ad un passo dal lasciare l’incarico, dopo l’avviso di garanzia (lui dice di non averlo ancora mai ricevuto, ma di aver appreso la notizia dalla stampa) nell’ambito dell’inchiesta “Ambiente svenduto” attorno all’Ilva. Stefàno risponderebbe di abuso ed omissione di atti di ufficio. Ma la sua sarebbe una posizione minore nella maxi indagine che ha puntato ai vertici della holding. Il primo cittadino tarantino, nei giorni scorsi ha comunque precisato di aver sempre agito in maniera corretta e negli interessi della comunità. Ma, prestando fede alla sua stessa regola del “niente assessori indagati in Giunta”, oggi è pronto a restituire ai cittadini il suo mandato. Articoli correlati: Ilva, nessun conflitto tra i poteri dello stato Ilva, no al dissequestro Ilva salva per decreto. E io pago Tutti gli articoli dell'inchiesta sull'Ilva: Ilva, potere d'acciaio intrappolato tra Magistratura e Ministero Marescotti, PeaceLink: ‘Taranto è una città compromessa' Dentro i cancelli, ‘Nuovi sacrifici in vista' Ilva. Se anche le banche storcono il naso Chi sono i Riva L’Aia questa sconosciuta

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!