Accoltella un uomo, poi si sente male

Palmariggi. Colpisce al braccio e al torace un 35enne; poi torna in sé e rimane vittima di un arresto cardiaco

PALMARIGGI – E’ stata una escalation di violenza, in una mattinata che sembrava come tante, oggi, a Palmariggi. Attorno alle 9 del mattino un uomo, Luigi De Pascalis, titolare del bar “Arco” residente a Palmariggi, ne ha accoltellato un altro, un 35enne, Angelo De Pascalis, ex paracadutista dell’Esercito. Poi, resosi conto dell’accaduto, è rimasto vittima di un arresto cardiaco. Non sono ancora noti i motivi dell’aggressione. Ciò che si sa è che il 35enne è stato raggiunto da almeno due colpi di fendente, uno al braccio ed uno al torace, e che si è accasciato al suolo, in una pozza di sangue. Il suo aggressore, colpito da infarto, ha fatto altrettanto. Quando sul posto sono giunti i sanitari del 118, allertati dai residenti nella zona, hanno condotto i due presso l’ospedale “Delli Ponti” di Scorrano. Poi, da lì, l’aggressore è stato spostato al “Vito Fazzi” di Lecce per via della gravità delle condizioni. I carabinieri di Palmariggi, quelli di Bagnolo e della Compagnia di Maglie hanno subito avviato le indagini. Che dovranno stabilire le motivazioni dell’accaduto e se l’aggressore avesse già con sé il coltello quando ha incontrato la sua vittima o se invece se lo sia procurato in un secondo momento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!