Località Montani, parte l’esposto delle associazioni

Salve. Sei associazioni del territorio hanno chiesto alla Procura e ad altre autorità di verificare sul rispetto delle normative sulla serra di Spigolizzi

SALVE – Un esposto a sei firme per chiedere alle autorità competenti di fare chiarezza. Dopo l’inchiesta sul grosso insediamento “agricolo” in costruzione sulla serra di Spigolizzi, in località Montani, e sui legami tra gli imprenditori interessati all'insediamento e gli ambienti della Sacra corona unita, sei associazioni del territorio hanno sottoscritto un esposto dove si informano le autorità di ciò che sta accadendo al cuore vergine del Salento e si chiede di effettuare una verifica sul rispetto delle normative vigenti. L’intervento delle associazioni arriva a pochi giorni dalla Giornata mondiale della Terra, che anche la Provincia di Lecce ha sposato e sponsorizzato affiggendo manifesti in tutti i Comuni del Salento. Si tratta di una coincidenza di date molto significativa. La Giornata della Terra serve infatti a ricordare la necessità di rispettare il suolo come bene comune, con le specificità di ogni territorio. L’esposto è stato inviato alla Procura della Repubblica di Lecce, all’assessorato all’Urbanistica e all’assetto del territorio e all’assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, alla Soprintendenza archeologica della Puglia, alla Soprintendenza per i Beni architettonici e per il Paesaggio, al comandante della Polizia Provinciale di Lecce e per conoscenza al sindaco del Comune di Salve. Tutti gli articoli dell'inchiesta: Il Salento d'amare colpito al cuore Il villaggio con la 'stalla' al centro Salve, turismo a (sole) tre vele La collina delle selci

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!