Dal Venezuela al Salento per scoprire i segreti del Tac

Lecce. 24 giovani di Caracas effettueranno percorsi di stage in nove aziende del settore per esportare l’esperienza in casa propria

LECCE – Si chiama “Gran Misión Trabajo” ed è il progetto pilota realizzato da Api di Lecce (Associazione Piccole Industrie), in collaborazione con Icidlà (Società di Consulenza Internazionale per l’Innovazione e lo Sviluppo dell’America Latina) per la creazione di una filiera produttiva del Tac e la formazione di una Scuola Superiore di Formazione per il settore nella Repubblica bolivariana del Venezuela. Il progetto mira ad esportare l’esperienza dei distretti industriali italiani, con particolare riferimento alla regione Puglia, nella città di Caracas. // Perché la Puglia Perché nei passati decenni, presentava un panorama socio culturale simile a quello odierno del Venezuela per un ambiente naturale favorevole all’uomo, l’assenza di un’industria storica locale, un’elevata disoccupazione giovanile e una buona dose di creatività purtroppo non sviluppata. // Perché il Tac Perché è uno dei pochi settori dove, per quanto si ricorra all’uso di mezzi per industrializzare la produzione, l’uomo è ancora indispensabile e la mole di manodopera richiesta è comunque alta. Poiché il Venezuela si trova ancora in una fase embrionale, il progetto prevede che si dia inizio alla produzione di una serie di prodotti facilmente industrializzabili per semplicità di fasi lavorative (come t-shirt, accessori in pelle, ciabatte, pantaloni, lenzuola, intimo) poiché il mercato finale, almeno all’inizio, sarà la pubblica amministrazione (capi per la scuola, gli ospedali, l’esercito). Il progetto prevede una prima fase di formazione in Puglia, precisamente nel Salento, della durata di tre mesi rivolta a 24 giovani cittadini venezuelani. Il percorso formativo è strutturato in una serie di lezioni teoriche su elementi di economia, di comunicazione e su aspetti specifici del Tac, impartite da docenti dell’Università di Lecce e da esperti del settore, ed in attività di stage presso aziende salentine del Tac. Al termine della formazione dovrebbero delinearsi i profili professionali dei coordinatori, dei responsabili di produzione, dei modellisti e dei meccanici. // Perché il Salento Perché è stato ed è ancora la culla del Tac. E proprio nelle aziende salentine del tessile, abbigliamento e calzaturiero che si svolgerà la prima fase del progetto formativo. Il progetto è finanziato dal Governo della Repubblica Bolivariana Venezuela, in accordo con il Ministero dell’economia e delle Finanze e il Ministero del Commercio Estero venezuelani, tramite il Bandes – Banco di Sviluppo Economico e Sociale del Venezuela. L’Api di Lecce svolge il ruolo di motore di ricerca e di collegamento con le piccole imprese del territorio salentino con l’obiettivo di creare un network di relazioni tra l’Italia e il Venezuela. Un’occasione di scambio culturale e professionale, una vetrina importante per l’industria locale. // Le aziendeLe aziende che ospitano i tirocinanti sono nove e sono specialiste nella produzione di capi e articoli differenti le une dalle altre. Ogni realtà aziendale realizza prodotti di ottima qualità ed ha alle spalle una storia importante nel settore. TRE.GI. SRL. Azienda sita ad Arnesano, specializzata nella commercializzazione e nella produzione conto terzi di abbigliamento (capospalla) maschile e femminile. Nel corso degli ultimi anni ha saputo guadagnare credibilità presso alcuni grandi nomi del Made in Italy stringendo partnership di alto livello con aziende del calibro di Christian Dior, Gucci, Luis Vuitton, Burberry. ESPRESSIONE MODA SRL. Azienda situata ad Arnesano, specializzata nella produzione d’abbigliamento maschile e femminile per conto di alcuni tra i più importanti brand della moda internazionale come Max Mara, Dsquared, Loro Piana. EURO IMAC SRL. Azienda sita a Martina Franca, dinamica e flessibile che da diversi anni opera nella vendita e assistenza di impianti e macchinari per il tessile, abbigliamento e calzaturiero. TOGETHER SAS. Azienda di Taurisano, dedicata alla produzione di pantaloni uomo-donna per i più importanti marchi italiani ed internazionali come Dsquared, Gucci, Grifoni, Paul Smith. SOLO MODA CONFEZIONI. Azienda situata a Noha, da oltre trent’anni lavora conto terzi capi femminili come gonne, camicie e abiti; i principali committenti sono Gruppo Miroglio, Gucci, Dolce e Gabbana. CALZ STILE SRL. Azienda ubicata a Collepasso, produce calzature di alta gamma sia per i principali marchi della moda come Gucci sia per il segmento tecnico sportivo (calzature per ciclismo). CALZIFICIO PEDACI. Storica azienda di Acquarica del Capo, leader nella realizzazione di calze di alta qualità; di particolare interesse è la produzione di calze per uso tecnico-sportivo. HUSANA SRL. Azienda di Ugento, specializzata nella lavorazione di lenzuola, asciugamani e tovagliati per marchi come Frette. MODA MARE. Azienda posizionata a Corsano, impegnata nella produzione di intimo uomo-donna e abbigliamento per il mare; lavora conto terzi per grandi brand come Etro, Dolce e Gabbana, Moschino ed altri. // La fase “Venezuela” Al rientro in Venezuela ci sarà una fase di completamento della formazione per acquisire padronanza ed autonomia del processo produttivo e al contempo trasformare quanto appreso in Italia in materie didattiche (teoriche e pratiche) per la formazioni dei lavoratori che creeranno le realtà artigianali. Particolare rilevanza assume la nascita della scuola tecnica di formazione che sarà parte della Scuola Bolivariana di Pianificazione. L’ultima fase prevede la nascita di piccole realtà artigianali all’interno delle abitazioni nei Barrios di Santa Rosalia e Altagracia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!