Rinnovabili. Minervino premiato da Legambiente

Bari. Il piccolo Comune è stato l’unico salentino ad ottenere il riconoscimento di “Comune rinnovabile 2011”. In Puglia in tutto 4 premiati

BARI – Il cambiamento viaggia alla velocità della luce. Una luce accesa dall’energia prodotta da fonti rinnovabili. Ed il Comune di Minervino è uno dei “Comuni rinnovabili 2011”. Ha ottenuto, cioè, unico nel Salento, il riconoscimento di Legambiente per aver messo in atto particolari politiche per incentivare l’uso delle rinnovabili. In Puglia sono in tutto quattro i Comuni che hanno meritato il titolo di “Rinnovabili”. In particolare, Minervino si sarebbe distinto per le “numerose iniziative realizzate dall’amministrazione comunale in favore di queste tecnologie”. In generale, la Puglia si conferma tra le prime regioni in Italia per lo sviluppo di solare fotovoltaico (1.906 MW installati) e eolico (1.379 MW). Sono oltre 20 mila gli impianti di piccola e grande taglia, eolici e solari, idroelettrici e da biomasse, distribuiti in tutti i Comuni pugliesi, da Chieuti a Santa Maria di Leuca. E i numeri della produzione mostrano dei risultati importanti: la produzione elettrica da fonti pulite, negli ultimi anni, è passata da zero al 30% dei fabbisogni complessivi elettrici regionali. La diversità delle risorse rinnovabili presenti sul territorio la raccontano i 255 Comuni del solare fotovoltaico, mentre sono 110 quelli del solare termico, 74 quelli dell’eolico, 15 quelli delle biomasse e cinque quelli del mini idroelettrico. Grazie a questi impianti si sono creati migliaia di nuovi posti di lavoro, portati servizi, riqualificati edifici e create nuove prospettive di ricerca applicata. Sono i dati che emergono dalla prima edizione di “Comuni Rinnovabili Puglia 2011”, rapporto redatto dalla Legambiente Puglia con il contributo di 9REN e il patrocinio dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia e presentato ieri a Bari da Francesco Tarantini, presidente Legambiente Puglia ed Edoardo Zanchini, responsabile Energia Legambiente, alla presenza di Loredana Capone, vice presidente della Regione Puglia, Emilio Romani, vice presidente Anci Puglia, Francesco Ferrante, vice presidente Kyoto Club, Sebastiano Venneri, vice presidente Legambiente e di Antonella Pellegrini, responsabile Relazioni esterne di 9REN. I Comuni che hanno ricevuto il premio per i risultati e le buone pratiche nell’ambito del Rapporto “Comuni Rinnovabili Puglia 2011” sono, oltre a Mivervino di Lecce, Molfetta (Ba), Lizzano (Ta), Monopoli (Ba). Un premio speciale è andato anche all’Acquedotto Pugliese per il progetto “Energia 10 in Condotta”. “I numeri e le storie raccontate in questo Rapporto – ha dichiarato Tarantini – dimostrano che le fonti rinnovabili, che in Puglia soddisfano oltre il 30% dei fabbisogni complessivi elettrici regionali, sono tecnologie affidabili su cui è possibile costruire ora e nel futuro una risposta concreta ai fabbisogni energetici e una alternativa sempre più competitiva ai combustibili fossili nella strategia di lotta ai cambiamenti climatici. Per il futuro, la Puglia deve puntare con forza a un mix di efficienza energetica e fonti rinnovabili passando attraverso una drastica riduzione delle fonti fossili. Così facendo la nostra Regione può diventare una terra di innovazione virtuosa, con centinaia di tetti solarizzati e case riqualificate e meno energivore”. // Lecce, 100% rinnovabile Ad aprire le classifiche del Rapporto è la categoria forse più importante ossia quella dei 109 Comuni 100% Rinnovabili ovvero quelli che producono più energia elettrica di quella necessaria alle famiglie residenti. In testa alla classifica c’è il Comune di Lecce, sia per i risultati ottenuti in temine di produzione che per il mix di tecnologie rinnovabili. Nel dettaglio, sono 345 i mq di pannelli solari termici installati e 40,3 i MW di impianti fotovoltaici, di cui 5,2 su tetti o coperture, 36 sono invece i MW di eolico e 41 kW quelli di mini eolico. // Fotovoltaico. Galatina, primo Comune per diffusione In particolare, gli impianti di solare fotovoltaico, per la produzione di energia elettrica, sono 19.711 diffusi in 255 Comuni pugliesi. Un dato che dimostra quanto questa sia una tecnologia a portata di tutti, famiglie, aziende e pubbliche amministrazioni. Il Comune con la più ampia diffusione di impianti fotovoltaici, in rapporto al numero degli abitanti, è Galatina con 13.223,87 kW ogni 1.000 abitanti e 37,5 MW complessivi distribuiti in 166 impianti. Invece se si considerano gli impianti installati esclusivamente su tetti e coperture, è Molfetta ad occupare il primo posto della classifica con 144 impianti. In termini assoluti è il Comune di Brindisi quello con la maggior potenza installata con 259 impianti e 130 MW. // Solare termico. Diso in vetta alla classifica Quanto invece al solare termico, per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento, i pannelli sono installati in 110 Comuni, per un totale di 5.999 mq. Considerando la diffusione in rapporto agli abitanti è Diso, piccolo Comune salentino, ad imporsi in vetta alla classifica, con 111,5 mq/1.000 abitanti. // Eolico, più diffuso nel Nord Puglia Se consideriamo l’eolico, sono 1.378,8 i MW di impianti, divisi tra grande e piccola taglia, distribuiti su 74 Comuni. Nella classifica troviamo al primo posto il comune di Troia (Fg) con 171,9 MW di potenza installata seguito da Sant’Agata di Puglia (Fg) con 164,4 MW e da Minervino Murge (Ba) con 116,4 MW. Invece, sempre più diffuso e utilizzato sia da cittadini privati che da imprenditori agricoli o imprese artigiane è il mini eolico, ossia impianti eolici con potenza fino a 200 kW. E’ il piccolo Comune di Rignano Garganico nel foggiano a guidare la classifica dei 41 comuni del mini eolico con 700 kW installati. // Biomasse solide, solo in due Comuni. Salentini Sono invece 18,4 i MW di impianti a biogas, distribuiti su 13 Comuni. Tutti gli impianti utilizzano biogas proveniente da discarica e sono in grado di produrre energia oltre 128 mila MWh di energia elettrica pari al fabbisogno di circa 50 mila famiglie. Sono due invece i Comuni che presentano impianti a biomassa solida sul proprio territorio, si tratta di un impianto da 6,6 MW nel Comune di Maglie e un impianto da 1 MW nel Comune di Calimera. Quest’ultimo, è un impianto di tipo cogenerativo (produce calore ed energia) ed è alimentato da filiera corta ossia da cippato di legno vergine, prodotto da aziende locali, e dagli scarti di potatura degli alberi di ulivo salentini. // Idroelettrico. Non in Salento Infine, sono 5 i comuni (Lesina, Ginosa, Gioia del Colle, Villa Castelli ed Andria) che possiedono impianti idroelettrici di piccola taglia, che sfruttano i piccoli salti di acqua trasportata nelle condotte. Questi impianti producono ogni anno circa 24 milioni di kWh di energia elettrica, e sono in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 9.200 famiglie. “Per continuare nella crescita delle rinnovabili occorre integrarle sempre di più nei territori e farle diventare un occasione per famiglie e imprese – ha dichiarato Edoardo Zanchini –. In particolare servono regole più chiare e certe per la diffusione degli impianti nel territorio, in modo da superare difficoltà e polemiche, e premiando la costruzione di filiere agrienergetiche sostenibili. Inoltre si deve avere il coraggio politico e la lungimiranza di puntare su una incisiva innovazione energetica del patrimonio edilizio pugliese, che punti a integrare fonti rinnovabili e efficienza energetica con obiettivi e obblighi chiari per spingere la modernizzazione di un settore in forte crisi”. // Le motivazioni dei premi Il Comune di Minervino di Lecce ha vinto il Premio per le “Politiche di diffusione del solare sia termico che fotovoltaico”, grazie alle numerose iniziative realizzate dall’amministrazione comunale in favore di queste tecnologie. Al Comune di Molfetta è andato il Premio per la “Maggior diffusione di impianti solari fotovoltaici su tetti e coperture”. Infatti, secondo i dati del GSE con 5,3 MW è il Comune con la maggior potenza installata su edifici. Il premio è stato assegnato al Comune in rappresentanza di quanti, tra famiglie e imprese, associazioni e cooperative, in questi anni hanno deciso di investire in questa tecnologia. Al Comune di Lizzano è stato assegnato il Premio per le “Politiche a sostegno dello sviluppo delle Fonti Energetiche Rinnovabili, nel settore della formazione e del lavoro a favore dei giovani”. Al Comune di Monopoli è andato il Premio per le “Politiche di efficienza energetica in edilizia”, grazie all’approvazione di un Regolamento Edilizio Sostenibile che introduce precisi criteri per migliorare le prestazioni ambientali ed energetiche degli edifici. Un premio speciale è andato all’Acquedotto Pugliese per l’iniziativa “Energia 10 in condotta”, finalizzato alla realizzazione di 10 centrali mini idroelettriche (di cui una è stata appena inaugurata a Gioia del Colle) che sfruttano i salti dell’acqua trasportata nelle condotte oltre all’installazione di impianti eolici e fotovoltaici sui siti aziendali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!