Inchiesta Tecnova, 438 parti lese

Lecce. Dopo due anni di indagini arriva al termine l’inchiesta sullo sfruttamento nei campi di fotovoltaico tra Lecce e Brindisi

LECCE – 438 parti lese. Due anni di indagini. E’ arrivata al termine l’inchiesta relativa al fotovoltaico e all’azienda Tecnova per la quale il 20 aprile del 2011 la Squadra Mobile della Questura di Lecce aveva tratto in arresto nove persone, fra soci, amministratori e capocantiere della società italo-spagnola. A carico degli indagati furono contestati i reati di estorsione, favoreggiamento della condizione di clandestinità di cittadini extracomunitari e truffa aggravata ai danni dello Stato. I responsabili della società avrebbero assunto cittadini extracomunitari privi di permesso di soggiorno favorendo la loro permanenza irregolare nel territorio salentino ed occupandoli, in condizione di asservimento alle dipendenze della società. Dopo un vertice in Prefettura, i lavoratori sfruttati erano riusciti ad ottenere le mensilità arretrate. Inizialmente l’indagine aveva visto coinvolti solo 43 cittadini extracomunitari vittima dei comportamenti delittuosi, ma nel corso dell’ultimo anno la lista si è allungata fino ad arrivare all’acquisizione di 438 denunce da parte di altrettante vittime, le quali hanno formalizzato testimonianze perfettamente sovrapponibili a quanto denunciato in precedenza dagli altri lavoratori, descrivendo a carico degli indagati comportamenti delittuosi analoghi. Qui la ricostruzione del caso Tecnova Articoli correlati: Tecnova: si riaccende la protesta Schiavi del fotovoltaico. Altri 564 migranti irregolari Caporalato. Cgil: 'siamo con gli immigrati'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!