Sanità, il Pd promette: ‘Più dialogo con la Regione’

Bari. Ieri il tavolo convocato dal capogruppo del Pd Romano con i rappresentanti regionali delle professioni mediche e sanitarie

BARI – “Più concertazione con la Regione Puglia, una nuova progettualità e maggiore condivisione delle politiche per rilanciare il sistema sanitario regionale”. Sono alcune delle richieste che i rappresentanti regionali delle professioni mediche e sanitarie, hanno portato ieri pomeriggio al tavolo convocato dal capogruppo regionale del Pd, Pino Romano, al quale è intervenuto anche il segretario del Pd in Puglia, Sergio Blasi. Entrambi hanno offerto la propria disponibilità a instaurare “un dialogo proficuo e costante con gli operatori del mondo sanitario, dai quali devono arrivare non solo contributi ma anche alcune linee guida sulle quali la politica deve muoversi e fare le proprie scelte”. “Occorre un confronto leale e franco – ha sottolineato Romano – passando dalle dichiarazioni di intenti ai fatti concreti”. Inoltre, il capogruppo ha rilevato la necessità “di interfacciarsi con un organismo che rappresenti il mondo sanitario e che diventi un interlocutore istituzionale con la Regione la quale, a sua volta, deve cedere una parte della propria sovranità in campo sanitario”. Per Blasi, “bisogna cambiare passo e per questo – ha sottolineato – porremo immediatamente le osservazioni dei rappresentanti del mondo sanitario all'assessore regionale al ramo, Elena Gentile, anche lei del Pd”. “Non solo non vogliamo sfuggire alle responsabilità – ha aggiunto Blasi – ma intendiamo mettere la faccia all'interno di una nuova idea di sanità che il Pd vuole offrire, costruendola sulla base di questo nuovo dialogo”. Soddisfatti i rappresentanti del mondo della sanità, i quali hanno auspicato “che questo sia solo il primo di una lunga serie di incontri da riempire di contenuti con cui eliminare le criticità e migliorare il nostro sistema sanitario regionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!