Dia: sequestro da 700mila euro ai beni di Francesco Russo

Nardò. Nel patrimonio sequestrato figurano ville, terreni, conti correnti ed autovetture di grossa cilindrata, intestati a parenti

NARDO’ – Nuova aggressione da parte delle forze dell’ordine ai patrimonio mafiosi. Ammonta a 700mila euro il sequestro eseguito nelle scorse ore dalla Direzione investigativa antimafia di Lecce che ha apposto i sigilli a beni, mobili ed immobili, riconducibili Francesco Russo, 60enne di Nardò, già condannato per tentata estorsione, rapina, sequestro di persona e porto illegale di armi da fuoco. Il provvedimento eseguito dalla Dia è stato emesso dalla II Sezione penale del Tribunale di Lecce – a seguito della proposta di misura patrimoniale avanzata dal direttore della Direzione investigativa antimafia, a conclusione di articolate indagini patrimoniali. Nel corso degli accertamenti è infatti emersa una netta sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati da Russo e l’ingente patrimonio a lui riconducibile, seppur intestato a suoi parenti stretti. Nell’elenco dei beni sequestrati, tutti ubicati a Nardò, rientrano una villa di 540 metri quadrati; due locali commerciali; sette terreni, per una estensione complessiva di 50 are; quattro conti correnti bancari; due autovetture di grossa cilindrata. Maggiori dettagli nelle prossime ore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!