Piano di rientro sanitario: obiettivi economici centrati

Roma. Dall’incontro al Ministero è emerso che la Puglia ha chiuso i conti 2012 con un miglioramento di 10 milioni di euro rispetto al risultato atteso

ROMA – La Regione Puglia ha centrato tutti gli obiettivi economici previsti dal Piano di rientro del deficit sanitario. E’ ciò che è emerso nel corso della riunione del “Tavolo Massicci” presso il Ministero della Salute per la verifica dei conti delle aziende sanitarie, relativi al quarto trimestre 2012. I conti pugliesi sono sensibilmente migliori rispetto a quanto previsto: il 2012 si sarebbe dovuto chiudere con un deficit di 51 milioni di euro, ma ha raggiunto quota 41 milioni, con un miglioramento rispetto al risultato atteso di 10 milioni di euro. Una verifica complessiva del piano di rientro è tuttavia prevista per il prossimo 15 giugno. Intanto, avendo raggiunto gli obiettivi economici prefissati, entro fine mese la Regione farà richiesta di un programma operativo per risolvere alcune delle questioni più rilevanti del settore sanitario, come il piano dell’Emergenza-urgenza e quello per i laboratori di analisi. Il Ministero affiancherà Via Capruzzi per il consolidamento dei risultati raggiunti con il piano di rientro dal punto di vista strumentale e organizzativo. Infine, ieri è stato dato il via libera definitivo per le deroghe alle assunzioni in turn over, il che consentirà, già nell’immediato, l’avvio delle procedure per l’assunzione a tempo indeterminato del personale necessario. Articoli correlati: Piano di rientro sanitario. 800 posti in meno in Puglia Piano di rientro. Ok del Consiglio Piano di rientro sanitario. Infiammano le polemiche

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!