Castellino. M5S: ‘L’Amministrazione è sorda’

Nardò. E’ ancora senza risposta la richiesta di convocazione di un Consiglio comunale monotematico protocollata dal Movimento il 22 febbraio

NARDO’ – Discarica di Castellino, ancora nessuna risposta da parte dell’Amministrazione. E la richiesta di convocazione di un consiglio comunale monotematico per fare chiarezza sulla questione, protocollata lo scorso 22 febbraio da parte del Movimento 5 Stelle e corredata da 476 firme di cittadini, è rimasta lettera morta. I cittadini chiedono di sapere che cosa ne sarà della discarica giunta alla conclusione del suo ciclo di vita e di conoscere le motivazioni della mancata azione di messa in sicurezza del sito. “Lo statuto comunale è legge e deve essere rispettato”, dicono dal movimento 5 Stelle, che sottolinea come l’Amministrazione non abbia tenuto conto delle disposizioni dello statuto, che fissa a 30 giorni il termine entro il quale il Consiglio comunale debba rispondere alla richiesta di convocazione dell’assise da parte dei cittadini. “Vogliamo conoscere l’esito di quella istanza; il perdurante silenzio vi allontana sempre di più dai cittadini – aggiungono -. Rammentiamo che, oltre ai firmatari, a Nardò il MoVimento 5 Stelle è stato suffragato con 4381 voti, con ciò divenendo la seconda forza politica della città. Pertanto esigiamo la giusta attenzione da parte di questa amministrazione che si dimostra sempre meno adeguata a governare la nostra comunità. Dovreste essere i nostri tutori: siete, invece, i soliti insabbiatori”. Articolo correlato: La discarica di Castellino non è mai stata chiusa

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!