Se è Giulia a picchiare Filippo

Lecce. Proiezione del cortometraggio in rettorato per riflettere sulla violenza di genere

LECCE – “Giulia ha picchiato Filippo”. E’ il titolo del cortometraggio di Francesca Archibugi che sarà proiettato oggi (alle ore 16.30) nella sala conferenze del Rettorato dell’Università del Salento (piazza Tancredi 7, Lecce). Ma è anche l’occasione per un dibattito sul tema della violenza contro le donne che si svilupperà subito dopo la proiezione. L’iniziativa è organizzata dalla consulente di fiducia dell’Ateneo salentino in collaborazione con la consigliera regionale di Parità, l’Osservatorio Donna dell’Università del Salento, l’associazione “Safiya” di Polignano a Mare, l’associazione “Differenza Donna” di Roma e l’associazione “Maschile Plurale”. Con la partecipazione straordinaria di Riccardo Scamarcio, Yasmine Trinca e Licia Maglietta, il cortometraggio racconta smarrimento, speranze, impegno, vittorie di donne che hanno detto basta alla violenza, un fenomeno dai dati drammatici: nel 2012, 135 donne sono state uccise da mariti, ex mariti, fidanzati, ex fidanzati, compagni, ex conviventi. Al dibattito che seguirà la proiezione parteciperanno Paola Martino, consulente di fiducia dell’Università del Salento, Serenella Molendini, consigliera regionale di Parità, Maria Mancarella, dell’Osservatorio Donna dell’Università del Salento, Maria Palazzesi, dell’associazione “Differenza Donna” di Roma, Anna Maria Montanaro, dell’associazione “Safiya” di Polignano a Mare, Orazio Leggiero, dell’associazione “Maschile Plurale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment