Export Puglia nel 2012 aumentato del 7,3%

Bari. Nonostante l'acciaio invenduto dell'ILVA, le performance di esportazione delle imprese pugliesi segna un ottimo risultato. Boom dell'export extra UE

Le esportazioni della Puglia continuano a crescere nonostante la congiuntura estremamente negativa. Lo rileva l'Istat che nel suo report attesta come le vendite all'estero delle imprese pugliesi siano aumentate nell'anno 2012 del 7,3%, il doppio di quanto è avvenuto in Italia che si ferma ad un +3,7% e in totale controtendenza rispetto all'Italia meridionale dove l'export è in calo dello 0,2%. Nel dettaglio la Puglia nel 2012 ha venduto all'estero merci per 8,772 miliardi, il 7,3 per cento in più del 2011 quando il valore dell'export fu di 8,174 miliardi. Per incremento la Puglia è la quarta regione in Italia dopo Sardegna (+21,5%), Sicilia (21,2%) e Umbria (+7,6%), mentre Taranto con un incremento del 18,1% si conferma una delle province più dinamiche in Italia, nonostante il problema dell'acciaio invenduto dell'Ilva. I settori dove la Puglia va meglio sono i prodotti dell'estrazione di minerali da cave e miniere (+115,7%), computer e apparecchi elettronici ed ottici (+46,4%), apparecchi elettrici (+42,9%), macchine ed apparecchi vari (+26,1%). Buone le performance anche per i prodotti alimentari e le bevande (+12,9%), gli articoli farmaceutici (+8,7%) e gli articoli in gomma (+7,1%). In calo, per il caso Ilva, le esportazioni dei metalli di base (-9,6%) in crescita fino al 2011 del 15,1%, ma anche le esportazioni dei rifiuti (-21,8%) al contrario di quanto avviene in Sardegna (+297,8%) e in Sicilia (+78,9%), e dei prodotti petroliferi raffinati (-16,7%). Le esportazioni pugliesi in tiepida crescita nei Paesi UE (+1,8%), aumentano decisamente nei paesi extra UE (+14,4%). Continua così un trend positivo iniziato nel 2010, dopo il grande crollo delle esportazioni del 2009 (-22,9%), e continuato nel 2011, quando la Puglia segnò il primato italiano per crescita delle esportazioni (+17,9%) e superò i valori pre-crisi del 2008.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment