Attentato al sindaco Morciano. La vicinanza di Gabellone

Tiggiano. Una molotov contro il garage del primo cittadino. Il presidente della Provincia lo incita a non scoraggiarsi

TIGGIANO – Il muro del garage annerito. Per terra, tracce di quella che è sembrata una bottiglia molotov preparata artigianalmente. E che ha colpito non un’abitazione qualunque, ma quella di Ippazio Morciano, sindaco di Tiggiano. Che in via Diaz ha anche lo studio dove svolge la professione di ingegnere. L’episodio si carica subito di altri significati, anche se il diretto interessato esclude ogni possibile collegamento con la propria attività professionale e con quella amministrativa e preferisce ricondurre l’accaduto ad un atto vandalico che ha colpito a caso. Le telecamere del sistema di sicurezza dell’abitazione di Morciano, ora al vaglio degli inquirenti, potranno fornire qualche risposta. Nel frattempo al sindaco arrivano i primo messaggi di solidarietà. Come quello da parte del presidente della provincia di Lecce di Antonio Gabellone, che incita il primo cittadino “ad andare avanti, seguendo la strada dell’impegno, dell’onestà e della trasparenza” “Il sindaco Morciano – dice Gabellone – è da sempre impegnato con trasparenza e competenza nella vita sociale e politica della sua comunità e dell'intero Sud Salento, lavorando con passione civica e trasparenza al bene della sua amministrazione. Mi auguro che le forze dell’ordine e le istituzioni demandate al controllo della legalità possano in tempi rapidi individuare coloro i quali tentano, con questi atti inqualificabili, di minare alle fondamenta la stabilità democratica del nostro Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment