Contro le mafie. Lecce in piazza

Lecce. In occasione della Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie, anche nel capoluogo salentino sfilerà la marcia di Libera

LECCE – Arriva anche a Lecce, come in numerose altre città d'Italia, il corteo organizzato da Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie. L'appuntamento è con “Semi di giustizia, fiori di corresponsabilità”, in occasione della XVII Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie, che si celebra oggi. Come negli anni scorsi a Lecce si vuole ri-fare memoria anche delle vittime innocenti pugliesi e rinnovare, in nome di quelle vittime, l'impegno di Libera contro le mafie e la corruzione. Libera Lecce, in collaborazione con le associazioni del Coordinamento provinciale e con il contributo della Provincia di Lecce, organizza una marcia che, partendo da Porta Napoli, attraverserà alcune vie e piazze del centro storico per concludersi nell’atrio del Palazzo dei Celestini. Ecco il programma: ore 9.00: raduno partecipanti a Porta Napoli ore 9.30: avvio corteo ore 11.30-11.45: arrivo previsto all'Atrio del Palazzo dei Celestini Il corteo percorrerà via Principi di Savoia, vico dei Fieschi, viale XXV Luglio, via Trinchese, piazza Sant’Oronzo, via Rubichi, piazzetta Castromediano e via Umberto 1°. Sono previste cinque brevi tappe di memoria animate dalle attrici Eleonora Lezzi ed Erika Grillo. Il corteo sarà accolto nell'atrio di Palazzo dei Celestini dalla musica del “Salento Sax Ensemble” del Conservatorio “Tito Schipa”. Per l'occasione, inoltre, dopo i saluti dei rappresentanti delle Istituzioni presenti, saranno letti i nomi di tutte le vittime innocenti delle mafie, saranno condivise le testimonianze di alcuni familiari delle vittime e saranno accolte brevi riflessioni degli studenti. Concluderà la giornata il secondo intervento musicale del “Salento Sax Ensemble”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!