Una tangenziale per Poggiardo

La richiesta del Sindaco

Silvio Astore, Sindaco di Poggiardo ha inviato una lettera al Presidente della Regione Puglia e al Presidente della Provincia di Lecce chiedendo la realizzazione di una tangenziale nella parte sud-ovest di Poggiardo

La realizzazione dell’infrastruttura è necessaria per alleggerire il centro cittadino dal transito dei mezzi autocompattatori, che, provenienti da sud ovest, l’attraversano per raggiungere l’impianto provvisorio di biostabilizzazione situato a nord del paese. Un transito che risale già al 1997 da quando cioè gli automezzi conferivano i rifiuti solidi urbani nella allora discarica sita sulla strada per Giuggianello. L’entrata in funzione nel gennaio 2007, dell’impianto provvisorio di biostabilizzazione, con il conferimento da parte di tutti i 46 Comuni facenti parte dell’ATO LE/2, ha notevolmente accentuato il problema del transito aumentando inevitabilmente, e sensibilmente, l’emissione di gas di scarico oltre che di cattivi odori legati anche alle perdite di percolato sulle strade cittadine. L’attivazione dell’impianto complesso, poi, che secondo le previsioni dovrebbe avvenire tra circa 14 mesi, certamente non migliorerà il problema del transito degli automezzi per le vie del centro abitato. La realizzazione della tangenziale avrebbe anche la funzione di migliorare notevolmente il flusso degli autoveicoli da e per la città consentendo un più rapido raggiungimento dei servizi (ospedale, scuole) e delle strutture situate nel centro, con un conseguente prevedibile vantaggio per la stessa economia cittadina e per il suo sviluppo. Le spiacevoli conseguenze finora sopportate da Poggiardo e gli indubbi benefici che deriverebbero dalla realizzazione di questa importante infrastruttura hanno spinto il Sindaco Astore a chiedere pertanto di dare al più presto contenuto all’impegno preso dal Presidente Vendola e dal Presidente Pellegrino, invitandoli sia a quantificare le risorse economiche disponibili, sia a programmare la realizzazione dell’opera contestualmente alla realizzazione dell’impianto complesso che sarà gestito dal COGEAM.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!