Centrale a Biogas. Dal M5S una manifestazione contro

Galatone. Il Comitato cittadino contro l’impianto ha presentato un esposto in Procura, a firma di oltre 500 cittadini

GALATONE – E' ormai a buon punto la realizzazione della centrale a biogas in agro di Galatone, al confine con l'agro di Nardò. Per richiamare l'attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla questione, i cittadini aderenti al Movimento 5 Stelle di Nardò e Galatone, che da sempre si sono detti contrari all’impianto, domenica hanno manifestato davanti ai cancelli della struttura. Ciò che si contesta è la mancanza di coinvolgimento dei cittadini in scelte così importanti per le comunità. Gli stessi sindaci dei due Comuni interessati dall’impianto, Nisi (Galatone) e Risi (Nardò), secondo il movimento 5 Stelle, non sarebbero adeguatamente informati sulla vicenda. Il Comitato Cittadini, Associazioni e Industriali di Galatone e Nardò ha così presentato un esposto in Procura, a firma di oltre 500 cittadini, nel quale si evidenziano quelle che vengono definite “lampanti incongruenze amministrative, prima ancora che ambientali”. La manifestazione di domenica, cui hanno preso parte i volontari della Guardia nazionale Aeza ed altri esponenti di associazioni ambientaliste, si è poi mossa dai cancelli della centrale a biogas verso quelli del depuratore, a pochi metri di distanza ed intervallato da un campo fotovoltaico. Anche sullo sversamento di queste acque nel canale Asso i manifestanti hanno espresso i loro timori, legati sempre all'impossibilità di essere informati sui metodi e tecniche della depurazione. Articolo correlato: Centrale a biogas a Galatone. I ‘no' di 5 Stelle

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!