Congedo: ‘Vendola trovi in agenda il tempo per la Puglia’

Bari. Il consigliere Pdl ritorna all’attacco del presidente della Giunta regionale, che sarebbe troppo impegnato per pensare alla Puglia

BARI – Nel mezzo della bufera politica del centrosinistra in cui si sta cercando faticosamente di dare vita ad un rimpasto in Giunta alla Regione Puglia, arriva la voce critica del consigliere del Popolo della Libertà Saverio Congedo, che non risparmia a Nichi Vendola un attacco venato di ironia. “Abbiamo imparato in questi anni – spiega Congedo – che l’agenda di Nichi Vendola è sempre molto piena. Negli ultimi mesi, ad esempio, ha dovuto affrontare impegni gravosi come le primarie nazionali del centrosinistra, poi la campagna elettorale per le politiche, quindi gli obblighi post-elettorali, ospitate televisive, trattative con i grillini, quesiti esistenziali sul futuro stesso del suo partito. Nei prossimi giorni ci sarà persino da badare alla formazione del nuovo Governo. Nel frattempo in Puglia le elezioni gli hanno scompaginato la Giunta e la maggioranza e allora c’è da rifare l’esecutivo. Sono giornate molto intense, bisogna fare i conti con il Pd, ricatti, scaramucce, ultimatum, bilancini di precisione, ecc. Comprendiamo, dunque, che Vendola sia piuttosto indaffarato di questi tempi, ma se dovesse trovare un buco in agenda si ricordi che c’è la Puglia da governare. Innanzitutto, perché anche le occupazioni part-time hanno una dignità e figuriamoci quelle di cui stiamo parlando. Poi perché, mentre Vendola faceva tutto questo che a ha a che fare con i problemi dei pugliesi, la Puglia ha continuato il suo lento declino, con la sanità allo sbando, l’economia depressa, i posti di lavoro che svaniscono inesorabilmente, i giovani che partono. Se ne occupi una volta tanto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!