Filippi, i miei quattro elementi a Brera

Milano. “Il dono del Fuoco, le porte del Cielo”, in mostra l’artista salentino Fernando De Filippi, direttore dell'Accademia di Brera

MILANO – Il tema sono i quattro elementi. Entità separabili e interdipendenti, capaci di completarsi a vicenda. E da questa loro completezza nasce il mondo. L’artista salentino Fernando De Filippi lo sviluppa in un modo tutto suo, raffinato e coinvolgente. L’Accademia di Belle Arti di Brera rende omaggio alla sua ricerca artistica attraverso un’esposizione di opere su carta dedicate proprio al tema dei “quattro elementi”. La mostra è stata inaugurata lo scorso 13 maggio e resterà aperta fino al 16 aprile.

hera

Il tempio di Hera “La simmetria – scrive Claudio Cerritelli nel catalogo – riveste un ruolo fondamentale nel processo di rappresentazione che gli elementi assumono, la funzione geometrica prevale sulle rispettive peculiarità accomunando i diversi livelli iconografici composti essenzialmente da triangoli e dai loro derivati”. “Il dono del Fuoco, le porte del Cielo”. Con questo titolo De Filippi ha scelto di sviluppare per questa mostra l’immagine della fiamma rivolta verso l’alto, metafora della conoscenza che non si appaga delle forme descrittive ma cerca di svelare le zone nascoste dell’esistenza.

fuoco

Il dono del fuoco “L’ardere del fuoco – ha dichiarato l’artista – esprime il desiderio intenso, la gioia di librarsi nell’aria proiettandosi verso nuove esperienze per superare i propri limiti. Il desiderio intenso è il fuoco interiore che libera le energie latenti e permette il raggiungimento dei propri sogni”. De Filippi si diploma nel 1964 in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera. Dopo aver insegnato presso il liceo artistico di Brera, assume nel 1973 il corso di Tecniche Grafiche Speciali presso l’Accademia dove, a partire dal 1982, è docente di Scenografia e direttore dal 1991 al 2009.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!