Lavanderie self. ‘Molte sono irregolari’

Lecce. L’allarme della presidente della categoria Pulitintolavanderia di Confartigianato

LECCE – Gravi irregolarità nelle lavanderie a gettoni o “self-service”. Lo denuncia la presidente della categoria “Pulitintolavanderia” di Confartigianato Imprese Lecce, Regina Lucia Gorgoni. “Oggi le lavanderie artigianali – spiega – si trovano a dover affrontare una grave forma di concorrenza sleale da parte delle sempre più diffuse lavanderie self-service che esercitano l’attività in maniera abusiva, non rispettando i limiti previsti dalla legge in materia (numero 84/2006). Si approfitta dell’assenza di una definizione precisa degli interventi sanzionatori”. In questo modo, “possono offrire servizi e prestazioni che esulano dalle loro competenze, paragonandosi a delle vere e proprie imprese di tinto lavanderie, senza doverne assumere gli obblighi legislativi, sicuramente più restringenti sia in termini di requisiti necessari per lo svolgimento dell’attività sia per rispetto dei criteri igienici e delle fasce orarie di attività sia per gli obblighi previdenziali”. Secondo Gorgoni, le lavanderie “self-service” dovrebbero configurarsi come “semplici attività di noleggio attrezzature, con lavatrici ed essiccatoi utilizzati direttamente dalla clientela che acquista il servizio e, quindi, provvede personalmente al lavaggio e asciugatura dei capi attraverso un sistema automatico-meccanizzato”. Tuttavia, “questo non sembra valere per molte lavanderie ‘self-service’, dove è sempre più frequente incontrare un addetto all’assistenza”. In questo modo, spiega la presidente, “si invade l’ambito di competenza delle tinto-lavanderie, in quanto si offrono servizi che, per legge, possono essere garantiti esclusivamente dalle tinto-lavanderie e si prevaricano i legittimi interessi di quelle imprese che esercitano l’attività nel pieno rispetto della normativa vigente”. In particolare, il mancato rispetto delle norme in materia sanitaria previste per le tinto-lavanderie, la presenza di personale e la mancata comunicazione del responsabile tecnico, come previsto dalla legge numero 84/2006, configurano l’esercizio abusivo dell’attività di tinto-lavanderia da parte delle lavanderie self-service. “Non abbiamo a contro chi opera correttamente e nella legalità – precisa la presidente – ma non è possibile vedere la pubblicità di lavanderie self-service che promuovono il lavaggio ad acqua di piumoni, trapunte o tendaggi, stireria, ritiro e consegna a domicilio. Non è legale e per questa ragione è facile fare prezzi stracciati”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!