F-gas, iscrizione obbligatoria al registro

Lecce. La novità è dell’11 febbraio e riguarda tutte le imprese che intervengono su impianti frigoriferi, condizionatori, pompe di calore e simili

LECCE – Registro nazionale imprese e persone certificate, l’iscrizione è obbligatoria. Tutte le ditte e le imprese che eseguono interventi tecnici su impianti frigoriferi, condizionatori, pompe di calore, estintori antincendio, nonché commutatori ad alta tensione ed altri apparecchi contenenti “F-gas”, hanno l’obbligo di iscriversi al Registro, entro il 12 aprile, per poter continuare la propria attività. L’iscrizione può avvenire esclusivamente per via telematica. Successivamente, entro sei mesi, per essere in regola, le imprese devono conseguire una certificazione da parte di enti accreditati. La disposizione normativa relativa al “Regolamento della Comunità europea numero 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra”, i cosiddetti “F-gas” (articolo 13 del decreto del presidente della Repubblica 43/2012), è pubblicata sulla Gazzetta ufficiale numero 35, dell’11 febbraio scorso. Tali obblighi riguardano anche gli auto-riparatori che intervengono per la manutenzione di impianti di condizionamento d’aria installati su veicoli a motore contenenti gas fluorurati ad effetto serra. Confartigianato Imprese Lecce è disponibile a provvedere a tale obbligo. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere al Consorzio Coas, in piazzetta Montale, 3 oppure contattare i numeri 0832-494370, 0832-494330 o scrivere ai seguenti indirizzi di posta elettronica: [email protected], [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!