Cameriere estorceva denaro alla titolare. Preso

Serrano. Dopo aver pagato 6.500 euro in quattro mesi, la donna ha denunciato tutto ai carabinieri

SERRANO (CARPIGNANO SALENTINO) – Si fingeva intermediario tra gli estorsori e la sua titolare. Alla quale, con questo “giochetto” portato avanti per cinque mesi, era riuscito a portar via già 6500 euro. Corrado Cecilia, 46enne di Serrano, è stato arrestato dai carabinieri di Martano per estorsione. Assunto come cameriere presso il locale di F.M, una donna di nazionalità slovacca residente a Carpignano, aveva escogitato il modo per spillarle denaro. Si fingeva intermediario di una banda di estorsori baresi i quali, secondo i suoi racconti, avrebbero chiesto il pizzo alla donna minacciandola di incendiarle il locale e di fare del male ai suoi familiari.

Corrado Cecilia

Corrado Cecilia Così nei mesi da settembre 2012 a gennaio 2013 Cecilia è riuscito a farsi consegnare dalla titolare la somma di 6.500 euro. E le aveva anche chiesto per febbraio 2013 altri 15mila euro come ultima rata del pizzo. Ma la donna, sfinita e spaventata, il 14 gennaio ha riferito tutto ai carabinieri, spiegando che fino a quel momento aveva sempre pagato quanto chiesto dal dipendente e che per il 28 febbraio avrebbe dovuto effettuare l’ultimo pagamento. Così i carabinieri, d’accordo con la donna, hanno predisposto un servizio per cogliere l’aguzzino in flagranza di reato, posizionandosi sul luogo, nei pressi dell’abitazione dell’uomo, dove era previsto lo scambio, all’ora concordata. In tal modo hanno potuto trarre in arresto l’uomo mentre intascava una busta con la somma contante di 2mila euro a fronte dei 15mila richiesti. Durante una perquisizione domiciliare, i carabinieri hanno sequestrato un “registro” manoscritto predisposto da Cecilia dove la vittima dell’estorsione firmava giustificando la somma estorta come prestito, ed un telefono cellulare. Il denaro è stato restituito alla ristoratrice. L’uomo condotto presso il carcere di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!