Calzaturiero, cinque operai in nero in un’azienda di Taviano

Taviano. I finanzieri hanno segnalato la ditta alla Direzione Territoriale del Lavoro per la sospensione dell’attività

TAVIANO – Cinque dipendenti totalmente in nero in un’azienda calzaturiera di Taviano. E’ la scoperta dei finanzieri della Compagnia di Gallipoli dopo un’approfondita indagine. I militari della Guardia di finanza hanno infatti appurato che non vi era stata da parte dell’azienda alcuna “comunicazione preventiva di assunzione” dei lavoratori, così come previsto dalla legge (art. 9 bis, comma 2, del D.L. n. 510/1996, convertito dalla Legge n. 608/1996, da ultimo sostituito dall’art. 1, comma 1180, della Legge n. 296/2006). In casi come questo, la legge prevede per ogni singolo lavoratore non regolarmente assunto una sanzione amministrativa variabile da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 12mila euro, oltre a 150,00 euro per ogni giornata lavorativa irregolarmente prestata. Inoltre, dal momento che la manodopera assunta in nero superava la percentuale del 20% del totale, i finanzieri hanno segnalato l’azienda alla Direzione Territoriale del Lavoro di Lecce per l’adozione del provvedimento di sospensione dell’attività.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment