Collepasso-Casarano. Demolito il muro di Masseria Grande

Collepasso. Nell’area sono in corso i lavori di messa in sicurezza della strada approvati dalla Provincia di Lecce

(la foto pubblicata dal Forum Amici del territorio) COLLEPASSO – Era lì dal 1700 almeno. Ma probabilmente anche da più tempo. Il muro di cinta dell’antica Masseria Grande sulla Collepasso-Casarano è stato demolito. La masseria risale al periodo tra il 1600 ed il 1700. In quella zona sono in corso da parte della Provincia di Lecce i lavori di sistemazione dell’incrocio Maglie-Masseria Grande-Casarano, già programmate dalla precedente Amministrazione guidata da Giovanni Pellegrino. La notizia della demolizione è stata postata su facebook dal gruppo Forum Amici del territorio. Dopo l’approvazione definitiva da parte del Consiglio comunale di Collepasso, lo scorso 20 aprile, della variante urbanistica al Programma di Fabbricazione per la realizzazione del progetto, la Giunta provinciale il 4 giugno ha dato l’ok definitivo al progetto. Importo 925mila euro. L’intervento prevede la messa in sicurezza dell’incrocio posizionato lungo la direttrice Maglie-Gallipoli, in corrispondenza della strada provinciale che collega Maglie e Collepasso con Casarano, nei pressi della Masseria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!