Ict. Smau, si parte

Bari. Oggi e domani, in Fiera del Levante, per l’evento più importante nel settore delle tecnologie informatiche

BARI – Nuove tecnologie? Pronti, lo Smau parte. Oggi. La Regione Puglia sarà protagonista nel ruolo di padrona di casa alla quinta edizione barese di Smau, l’evento più importante del settore Ict, in programma oggi e domani a Bari nel nuovo padiglione della Fiera del Levante. La manifestazione, che è il luogo ideale per l’incontro tra domanda e offerta di prodotti e servizi legati alle tecnologie informatiche, presenterà al pubblico nuove iniziative e premi dedicati alle eccellenze del Mezzogiorno. Le novità principali riguardano proprio la presenza istituzionale. La Regione (Assessorato allo Sviluppo economico – Servizio Internazionalizzazione) presenterà, per la prima volta, in una nuova dimensione espositiva, “Smart Puglia Expo”, ispirata al mondo della ricerca industriale. Nel nuovo spazio, l’offerta scientifica verrà proposta alle imprese da tutti i suoi attori: i distretti tecnologici, le reti di laboratori, gli spin-off e le imprese innovative, per un totale di 67 soggetti, tutti individuati grazie a leggi regionali e a bandi mirati. A Smau Bari per la prima volta agiranno in relazione alla loro sfera di competenza rappresentata da un cluster nazionale: Chimica verde, Agrifood, Tecnologie per gli ambienti di vita, Tecnologie per le smart communities, Aerospazio, Energia, Fabbrica intelligente, Scienze della vita. Questi organismi possono trasformare davvero la ricerca in prodotto, con l’effetto, da un lato, di contrastare la crisi, dall’altro di anticipare il prossimo indirizzo delle politiche regionali, trasformando la Puglia in una regione “Smart”, cioè intelligente e capace di coniugare innovazione, sostenibilità e inclusione. Particolarmente ricco il calendario di workshop organizzati dalla Regione Puglia in collaborazione con l’Arti (l’Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione), InnovaPuglia, Puglia Sviluppo e Distretto produttivo dell’Informatica. I primi tre appuntamenti si svolgeranno oggi: alle ore 14,00 (Sala 2) il workshop “Creare e sviluppare impresa in Puglia”; alle 15,00 (Arena Trade) “Dai una spinta alla tua impresa innovativa! Esperienze e strumenti per accelerare l’innovazione”; alle 16,00 (Arena Smart City) ultimo appuntamento della giornata il workshop “Tecnologie abilitanti per un futuro intelligente e sostenibile – L’iniziativa Cluster Tecnologici Nazionali in Puglia”. Domani si comincia alle 11,00 (Arena Smart City) con “Innova Labs – Un percorso di open innovation per la redazione delle proposte del bando Apulian Ict Living Labs”; alle 12,00 (Arena Retail) è in programma il workshop “Il Distretto produttivo dell’Informatica Pugliese progetta il suo futuro; infine, alle 13,00 (Arena Smart City), “Il cluster in Bioimaging: un modello innovativo di sinergie a servizio della salute pubblica”. La partecipazione ai workshop è gratuita iscrivendosi al sito di Smau (www.smau.it). All’interno di Smau Business Bari, sempre nella giornata di domani si svolgerà il terzo ed ultimo appuntamento dei Forum territoriali organizzati in tre delle Regioni a Obiettivo Convergenza. L'evento, promosso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca e dal Dipartimento per la digitalizzazione della PA con la collaborazione di Formez PA, Forum PA e Regione Puglia, pone al centro della discussione l'Agenda Digitale Italiana e la sua “regionalizzazione” con l’obiettivo di individuare e condividere piani, azioni e risultati delle politiche di innovazione e far emergere al tempo stesso le esperienze e le buone pratiche delle regioni. La partecipazione della Regione Puglia a Smau è realizzata grazie al supporto operativo dello Sprint Puglia (lo Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese). L’innovazione in Puglia La Regione Puglia ha sempre riservato alla ricerca e all’innovazione, un ruolo prioritario per lo sviluppo e la competitività del proprio territorio e del Paese. Se nella precedente programmazione (2000-2006) le risorse spese per ricerca e innovazione sono state in tutto pari a 76 milioni, nell’attuale programmazione tra speso e impegnato si arriva già a 254,5 milioni di euro. Rilevanti i risultati di queste politiche. Uno dei primati della Puglia è infatti l’eccellenza nella banda larga. La Puglia è la prima regione in Italia per indice di copertura: il 99,2% della popolazione è servito da banda larga. La Regione ha raggiunto questo traguardo investendo per la posa in opera di fibra ottica in tutto il territorio regionale e per la realizzazione di reti di collegamento con tutti gli enti locali. Ma la Puglia è anche la quinta regione in Italia per imprese che fanno ricerca (spin-off) ed è la prima nel Mezzogiorno per numero di richieste di marchi da registrare e di brevetti da depositare. In particolare, dal 2005 al 2012 sono stati depositate all’ufficio italiano brevetti e marchi 774 domande di invenzioni, il 29,43 per cento in più rispetto agli otto anni precedenti. I brevetti registrati invece presso l’European Patent Office – rileva l’Istat – sono aumentati del 55% dal 2005 al 2009 (ultimo dato disponibile) passando dai 203 del quadriennio 2000-2004 ai 258 dei quattro anni successivi. La Puglia è anche la quinta regione in Italia per le aziende che fanno ricerca. Nel territorio regionale hanno sede infatti 79 imprese spin-off attive al 31 dicembre 2011. Si tratta dell’8% delle 990 imprese presenti in tutta Italia (fonte: Rapporto Netval). Così la Puglia passa dall’ultimo posto del 2005 (con l’1,6% degli spin-off) al quinto di oggi. Ma in Puglia negli ultimi tre anni sono nate, grazie agli incentivi regionali, anche 23 imprese innovative, cioè imprese che spendono in ricerca il 15% del loro budget. Particolarmente attiva la partecipazione della Puglia anche ai bandi nazionali dedicati alle Smart City nell’ambito del Pon Ricerca e Competitività. I progetti pugliesi sono arrivati in testa alle graduatorie per qualità e quantità di progetti presentati. Inoltre i distretti tecnologici della Puglia e alcune aggregazioni pubblico-private sono oggi partner dei Cluster tecnologici nazionali promossi dal Miur.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!