Le liste dei Comunisti di Rizzi

Bari. Alternativa comunista è presente alla Camera e al Senato con proprie liste, presentate oggi.

Presentati oggi e il programma elettorale e i candidati pugliesi per Camera e Senato di Alternativa comunista. La novità è senz'altro l'età del candidato premier della formazione che si posiziona all'estrema sinistra dello scacchiere politico sinistra. Si tratta infatti del ventenne Adriano Lotito, studente universitario a Bologna di origine andriese, molto attivo nelle lotte studentesche, primo caso assoluto in Italia di candidato così giovane. Capolista alla Camera è Michele Rizzi, coordinatore regionale di Alternativa comunista, lavoratore precario e già candidato presidente della Regione Puglia alle ultime elezioni. Gli altri candidati sono: Francesco Carbonara Rsu dell'Om Carrelli di Bari, Pasquale Gorgoglione studente universitario in lotta della Facoltà di Architettura di Bari, Nicola Armenise Filmaker, Valeria Bianchino insegnante precaria. Capolista al Senato, Salvatore Cossa, Operaio cassaintegrato salentino, Mauro Mongelli Rsu Telecom Puglia, Luigi Lionetti coordinamento lavoratori Bar.sa di Barletta, Giuseppe Spadaro lavoratore precario della sanità. L'obiettivo di Alternativa Comunista è quello di “dare visibilità a quelle lotte di lavoratori, cassaintegrati, studenti che abbiamo sostenuto in questi anni, con candidati operai, studenti, precari, disoccupati, cassaintegrati. Alternativa comunista – si legge nel comunicato – ritiene di essere una vera alternativa rivoluzionaria, totalmente distante dagli arancioni di Ingroia che, oltre ad avere un programma molto vicino programmaticamente a quello di Bersani (dal quale è stato scaricato assieme al prc, l'idv e il pdci), candidano capolista in Puglia, il senatore Di Nardo favorevole ai condoni edilizi”. Il principale punti programmatico del programma riguarda la nazionalizzazione senza indennizzo di tutti i settori strategici dell'industria, con gestione operaia delle aziende che chiudono o licenziano. Le banche private dovrebbero confluire in un unico istituto creditizio che possa erogare credito a buon mercato per lavoratori e piccoli commercianti. Le ricette macroeconomiche di AC prevedono l'uscita dall'Unione europea e la reintroduzione della scala mobile dei salari e dell'orario di lavoro, stabilizzazione di tutti i lavoratori precari ed estensione dell'ART. 18 anche alle realtà lavorative con meno di 15 lavoratori. La cancellazione di tutti i tagli a sanità, scuola e università pubbliche; ritiro di tutti i finanziamenti a sanità, scuole e università private; la cancellazione di tutti i finanziamenti per le Grandi Opere e loro destinazione verso un piano nazionale di edilizia popolare e scolastica. Politica estera: cessazione di ogni missione di guerra; requisizione delle basi militari americane sul nostro territorio.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!