La missione degli spermatozoi

GUARDA IL VIDEO. L’integrità del Dna spermatico gioca un ruolo preponderante nel successo della fertilità maschile

di Lamberto Coppola (*) Bisogna tener presente lo spermatozoo è un trasportatore specializzato, la cui funzione è quella di far arrivare il corredo genetico del maschio all’ovocita. Il Dna nemaspermico è organizzato in modo specifico (maturazione/condensazione) tale da rendere la cromatina nucleare compatta e stabile. Questa organizzazione del Dna non solo permette un impacchettamento molto stretto delle informazioni genetiche dell’uomo che verranno trasferite alla cellula uovo, ma assicura anche che il Dna sia in una forma fisica e chimica tale da consentire lo sviluppo embrionale, grazie ad un facile accesso alle informazioni genetiche paterne. L’integrità del Dna spermatico gioca quindi un ruolo preponderante nel successo della fertilità maschile. Sembra infatti che se il danno al Dna supera la soglia del 20% degli spermatozoi, lo sviluppo embrionale e il conseguente esito della gravidanza sono inficiate. Evidenze cliniche suggeriscono inoltre che un danno al Dna spermatico superiore al 30% è deleterio persino per la riuscita delle tecniche di fecondazione assistita. Inoltre bisogna tenere sempre presente che gli spermatozoi di soggetti infertili possiedono sostanzialmente più Dna danneggiato rispetto ai soggetti fertili. Situazioni ambientali tossiche, metalli pesanti, inquinamento ambientale, cattive abitudini di vita e sessuali, infezioni ed ipertermie esterne o per varicocele, attraverso lo stress ossidativo, possono creare rotture di vario grado nel Dna degli spermatozoi, rendendoli infertili, anche se apparentemente e morfologicamente normali. Le stesse tecniche di preparazione del liquido seminale, se non praticate correttamente, possono indurre rotture della cromatina nemaspermica. (*) Prof. Lamberto Coppola Andrologo – Ginecologo – Sessuologo Direttore dei Centri Integrati di Andrologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Tecnomed (Nardò- Lecce), Casa di Cura Petrucciani (Lecce) e Casa di Cura Fabia Mater (Roma)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati