Offese a moglie e figli. In carcere

Sannicola. Nonostante fosse stato colpito dalla misura di allontanamento da casa, Alessandro Mercuri ha continuato a perseguitare la famiglia

SANNICOLA – Continue offese e gravi ingiurie pronunciate a tutte le ore del giorno e della notte ed inviate anche tramite sms. E’ stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Sannicola su esecuzione di ordinanza di custodia cautelare del gip del Tribunale di Vercelli, Alessandro Mercuri, 42enne originario di Sannicola ma residente nel Vercellese. Su di lui le accuse di maltrattamenti in famiglia, aggravati e continuati, commessi a danno della moglie. Benché colpito da misura di allontanamento dalla casa coniugale, ha continuato a perseguitare e minacciare la moglie ed i figli sia attraverso il telefono cellulare che di persona, recandosi presso l’abitazione, lanciando pietre sul terrazzo e non cessando mai di umiliare la consorte. Dopo una serie di indagini, i carabinieri di Sannicola sono riusciti a trovarlo a casa della madre dove, sembra su consiglio del suo avvocato, si era recato qualche giorno fa da Vercelli. Mercuri è stato tradotto presso il carcere di Lecce.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!