INAIL finanzia la prevenzione

Aperto il bando ISI per un importo pari a 155,3 mln di €

L'Inail ha adottato la delibera per il finanziamento di interventi di prevenzione per l'anno 2012 cui seguirà la pubblicazione del bando. L’Inail ha deliberato (con determina presidenziale n. 151 del 13 dicembre 2012) i criteri generali del bando ISI per il 2012 per un importo pari a 155,3 mln di €. Del bando, rinvenibile nel sito Internet dell’Inail, è data notizia nella Gazzetta Ufficiale n. 296 del 20 dicembre 2012. I criteri del finanziamento ripercorrono sostanzialmente quelli del bando 2011; segnaliamo tuttavia l'introduzione di una notevole innovazione che Confindustria chiedeva da tempo: la finanziabilità degli interventi realizzati a decorrere dal momento della presentazione definitiva della domanda on line (cioè dal 15 marzo 2013) e non da quello della comunicazione dell’esito positivo della verifica da parte dell’Inail, come avveniva in precedenza. L'accoglimento di questa nostra istanza consente così alle imprese di iniziare l'investimento già dal 15 marzo 2013 (punto 7 del bando: “Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data del 14 marzo 2013”) senza dover attendere la chiusura delle procedure e l'approvazione della domanda da parte dell'Inail (si rileva, a questo proposito, che – ad oggi – non è ancora possibile – per molte delle aziende che hanno utilmente partecipato al bando 2011 – l'avvio del progetto in quanto è ancora in corso l'istruttoria da parte dell'Istituto). Resta, ovviamente, fermo che – in caso di rigetto della domanda – ogni onere resterà a carico dell’impresa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment