Semi di quercia contro le pale eoliche

Soleto. L’iniziativa Nuova Messapia e Forum ambiente e salute contro il parco eolico previsto tra Corigliano a Soleto

SOLETO – La battaglia a colpi di natura è iniziata. Ma non siamo nell’epoca dei figli dei fiori. A Soleto cittadini, ambientalisti ed amministratori hanno deciso di opporsi al progetto di un parco eolico della Etirya, con le querce. E così hanno iniziato a piantare i poderosi alberi. Ma non alberi già cresciuti; i loro semi. Un gesto molto significativo perché lascia spazio alla speranza, che i semi possano germogliare e dare vita ad un bosco di querce. E che il bosco si opponga, solo con la sua presenza, alle mega pale eoliche che dovrebbero sorgere tra Soleto e Corigliano d’Otranto. Le zone interessate dalla battaglia verde sono proprio quelle nelle quali è previsto l’impianto: Cumiri di Soleto e Ghermitita di Corigliano d’Otranto. E’ stato il modo scelto dalle associazioni Nuova Messapia e Forum ambiente e salute per sensibilizzare i cittadini ma anche gli amministratori verso una tematica di grande attualità e di grande importanza per lo sviluppo futuro della terra salentina. Intanto, dal canto loro, i Comuni di Soleto e di Corigliano stanno preparando i pareri negativi al progetto da prensetare in Regione. Toccherà poi a Via Capruzzi esprimersi. Il progetto prevede 20 torri eoliche di 135 metri su un’area di 300 ettari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment