Testimoni di Geova al Via del Mare

Lecce. Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota dell'Assemblea Cristiana dei Testimoni di Geova

Il primo giorno di assemblea dei testimoni di Geova (5.431 presenti), ha evidenziato che nel vangelo di Giovanni capitolo 8 versetto 32 Gesù insegnò ai suoi seguaci che il conoscere la verità o i pensieri di Dio descritti nella Bibbia, li avrebbe resi liberi da false idee religiose e filosofie di vita umane. Il presidente dell'assemblea ha evidenziato, nel suo discorso: “Come facciamo a sapere che la Parola di Dio è verità ” (1 tess 2:13), che la Bibbia è il libro di verità diversamente da altri libri considerati sacri, la Bibbia dice la verità sulla personalità del nostro creatore Geova, è un libro di profezie e norme morali che, se messe in pratica, porterà risultati nella vita di ogni giorno, dando agli esseri umani uno scopo nella vita. Il discorso chiave:”La congregazione di Dio colonna e sostegno della verità” (1 tim 3:15) ha spiegato il ruolo della congregazione cristiana quale colonna e sostegno della verità, che promuove gli interessi del regno mediante la predicazione della buona notizia. Il dramma pomeridiano, ambientato al nuovo mondo che Dio promette “Mostratevi attenti alle meravigliose opere di Dio” (Gb 37:14) ha messo in risalto che Dio non è responsabile dei guai, che l'umanità ha generato. Nonostante l'uomo abbia colpa della cattiva condizione del creato che Dio gli aveva dato in gestione, nella sua benignità ha dato la soluzione ai mali dell'umanità, tramite l'istituzione del Regno di Dio che reca benedizioni ora in senso spirituale, e nel futuro benedizioni eterne mediante la risurrezione dei morti e la perfetta salute in un mondo, qui sulla Terra, completamente ripristinata alla sua originale bellezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!