Ruba gioielli per rivenderli al ‘Compro oro’

Nardò. Denunciati una 23enne ed il suo fidanzato: lei avrebbe sottratto monili dalla casa dove faceva le pulizie; lui li avrebbe rivenduti

NARDO’ – Esercizi “Compro oro” ancora sotto la lente delle forze dell’ordine. Una donna, T.S. di 23 anni ed il suo fidanzato M.L. 29enne, entrambi di Nardò sono stati denunciati per furto aggravato e continuato e ricettazione alla Procura della Repubblica di Lecce per aver rubato e poi messo in vendita dei gioielli presso un “Compro oro”. La donna, secondo la ricostruzione dei fatti fornita dai carabinieri di Nardò, avrebbe sottratto svariati monili in oro per un valore approssimativo di 1000 euro dall’abitazione privata di una coppia, presso la quale svolgeva periodicamente le pulizie. Accortasi della sparizione, la padrona di casa ha avvertito i Carabinieri. Le indagini si sono sin da subito indirizzate verso la donna, che ha presto ammesso la piena responsabilità dell’accaduto. A questo punto sono bastate indagini dei militari per ricostruire tutti i fatti accaduti ed individuare con certezza i “negozi specializzati” di Nardò e Lecce presso i quali, con la collaborazione del fidanzato, la 23enne aveva poi smaltito la refurtiva. Ad aiutare nel percorso di individuazione degli esercizi, sono servite le ricevute d’acquisto con tanto di nome e cognome della venditrice. Per la donna ed il suo compagno è così scattata una enuncia a piede libero per furto aggravato e continuato e ricettazione. Messi di fronte all’evidenza dai militari dell'Arma, i giovani hanno parzialmente ammesso le loro responsabilità e, grazie alla collaborazione dei “Compro Oro” interessati, gran parte dei preziosi sono stati riconsegnati ai legittimi proprietari. Sono in corso ulteriori accertamenti per tentare di recuperare gli altri gioielli scomparsi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment