La discarica di Castellino non è mai stata chiusa

Nardò. Il consigliere Frasca riferisce che la Provincia è ancora in attesa di conoscere le intenzioni del presidente Vendola sulla discarica

NARDO’ – La discarica Castellino di Nardò non sarebbe mai stata ufficialmente chiusa. O, comunque, la Provincia di Lecce sarebbe ancora in attesa della relativa documentazione da parte della Regione Puglia. Lo ha riferito il consigliere provinciale del Pdl Mino Frasca, neretino, rispondendo al movimento “5 Stelle” e definendo tardivo il suo interessamento sulla questione. “5 Stelle a Nardò sulla questione discarica si sveglia tardi, molto tardi rispetto all’attivismo sulla materia della Provincia di Lecce – dice Frasca -, che da mesi, da anni oramai chiede chiarezza sulla chiusura della struttura alla Regione Puglia e a quel Niki Vendola che tante promesse aveva elargito a Nardò e al suo centrosinistra”. “Lo scorso 30 agosto, è giunta al termine l’attività del commissario delegato per l’Emergenza Ambientale (Vendola), senza che sulla discarica, sulla sua effettiva chiusura e soprattutto sulla sua bonifica sia mai stata scritta una parola di chiarezza negli atti amministrativi. La Provincia di Lecce, già in estate dunque, ha avviato una specifica e dettagliata attività di ricognizione delle autorizzazioni rilasciate per gli impianti presenti sul territorio; per la discarica di Nardò gli accertamenti condotti non hanno consentito di reperire il Decreto Commissariale di chiusura della discarica, che non è stato mai adottato in base alle procedure del D.lgs. 36/03 che, secondo quanto previsto nell’incontro istituzionale svoltosi in Prefettura il 26 luglio 2006 avrebbe dovuto essere emanato ENTRO E NON OLTRE il 30 gennaio 2007. Nessuna traccia, dunque, nessuna traccia del decreto di chiusura della discarica”. “Per questo motivo – ricostruire Frasca – il presidente Gabellone ha chiesto all’assessore regionale alla Qualità dell’Ambiente Nicastro (note dell’8 giugno e 31 ottobre, Commissioni Consiliari Ambiente del 28 settembre e 21 novembre, non certo su sollecitazione di “5 Stelle”…!) un incontro tenutosi poi effettivamente il 29 novembre successivo (ancora una volta ben prima delle sollecitazioni dei “grillini”): un incontro che non ha consentito alla gestione commissariale di Vendola di accertare la regolarità delle procedure di chiusura e messa in sicurezza della discarica. Il Presidente della Provincia di Lecce, quindi, è tutt’ora in attesa di se il governatore Vendola ha intenzione o meno di chiudere la discarica di Nardò, se provvedimento in tal senso sia stato emesso in maniera regolare e conforme al D.lgs. 36 del 2003, in vista del delicatissimo passaggio di funzioni e compiti in materia di rifiuti in capo alla Provincia di Lecce. Che, sono certo, saprebbe presto e meglio gestire la vicenda-discarica di Nardò con molta più chiarezza, senza convenienze o finzioni politiche e per il solo bene dei neretini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment