Usura ed appropriazione indebita. Beni confiscati per 2 milioni

Taranto. Tra i beni confiscati dalla Dia di Lecce ai coniugi Guerra-Casucci, una polizza vita ed 11 immobili, tra locali commerciali, appartamenti e ville

TARANTO – Concedevano prestiti a tassi usurari, applicando interessi fino al 200%. Leonardo Guerra, 64 anni, e la coniuge Antonia Casucci, 60enne, sono stati già condannati rispettivamente per appropriazione indebita ed emissione di assegni a vuoto e per usura. Dalle indagini emerse che i prestiti venivano concessi in modo “professionale”, attraverso il sistema dello “sconto” di assegni bancari postdatati e del cosiddetto “prestito a fermo”. Oggi la Dia ha dato esecuzione ad un provvedimento di confisca definitiva di beni a loro riconducibili proposto dalla Procura della Repubblica di Taranto. I beni oggetto della confisca definitiva, già sottoposti a sequestro nel 2005, hanno valore di 2 milioni di euro. Si tratta di una polizza vita ed undici immobili, tra locali commerciali, appartamenti e ville, siti a Taranto a Talsano. E’ stato possibile procedere alla confisca dell’intero patrimonio dei coniugi, benché in parte intestato ai figli, in quanto, attraverso gli accertamenti patrimoniali e bancari condotti dalla Dia, è emersa una notevole sproporzione tra il patrimonio confiscato ed i redditi dell’intera famiglia Guerra-Casucci. La Corte di Cassazione ha confermato nei confronti dei coniugi la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno di due anni per Casucci e di tre anni per Guerra.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati