Made in Puglia. In Canada

Montreal. 80 incontri con operatori dei settori agroalimentare, turistico e dell’industria creativa e con le istituzioni. Missione Canada per 7 aziende pugliesi

MONTREAL – Sono volate a Montréal, in Canada, per incontrare nuovi partner commerciali, le imprese pugliesi che hanno partecipato al progetto “Regione Puglia-Canada 2012”. In programma 80 incontri con operatori dei settori agroalimentare, turistico e dell’industria creativa e con le istituzioni. E non solo: visite in negozi specializzati, incontri con esponenti della comunità pugliese, dirigenti della Camera di Commercio italiana in Canada e media italo-canadesi. Sono queste le tappe della missione commerciale in Canada delle sette imprese pugliesi coinvolte nel progetto. Un programma articolato già partito da alcuni mesi, che entra così nella sua fase conclusiva. La prima tappa è stata la selezione di nove giovani canadesi di origine pugliese. I giovani hanno affiancato altrettante imprese che operano in Puglia per la realizzazione di un “project work” che ha analizzato le opportunità di affari di ciascuna azienda sul mercato canadese. Quindi sono stati individuati i potenziali partner canadesi, infine organizzati gli incontri commerciali fra questi e le stesse aziende pugliesi. Incontri che si stanno svolgendo appunto a Montréal con il coordinamento dei nove giovani. “Stiamo consolidando relazioni importanti con il Canada – ha detto la vicepresidente e assessora allo Sviluppo economico Loredana Capone -. Questo progetto così importante e articolato è stato curato in ogni dettaglio per permettere alle nostre imprese di avere nuove opportunità commerciali in un mercato come quello canadese, fortemente interessato al made in Puglia anche per la presenza di una folta rappresentanza di pugliesi. Non è una scelta casuale: qui abbiamo esportato beni per 47 milioni di euro nel 2011 e per 25,7 milioni nel primo semestre del 2012, in continua crescita negli ultimi anni. Siamo convinti che questo progetto accrescerà ulteriormente le opportunità delle nostre imprese in settori tradizionali come l’agro-alimentare e il turismo e nuovi come l’industria creativa”. “La riuscita di questo progetto che vede la collaborazione tra istituzioni, aziende e giovani italo-canadesi – ha aggiunto l’assessora al Welfare e ai Pugliesi nel Mondo Elena Gentile – è la dimostrazione di quanto i nostri concittadini che oggi vivono all’estero possano essere un efficace veicolo di internazionalizzazione. Il nostro è stato un progetto pilota ma, visto il risultato e la soddisfazione espressa dalle imprese, intendiamo replicarlo anche in altri Paesi con comunità pugliesi fisse e attive”. Le imprese impegnate nelle attività di Montréal sono abbinate ai giovani italo canadesi. Si tratta di Solanda Tours & DMC di Monopoli (Ba), seguita da Giulia Sollecito e Rosangela Chiarappa; Francesco De Padova srl di Avetrana (Ta), abbinata a Marco Bruno; Masseria Baroni Nuovi di Brindisi, accompagnata da Cesaria Sara Schiralli; Consorzio Paniere di Puglia di Martina Franca (Ta), seguita da Giacomo Marziliano; Bernardi srl di Grottaglie (Ta), abbinata a Luigi Pastore; Agrinitti di Vito Nitti di Castellana Grotte (Ba), accompagnata da Vito Nicolas Mattiace; infine Dinamo Film seguita da Alessandro Masi e Giovanna Patruno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment