No a caccia e pesca nel Rauccio. Le prime sanzioni

Lecce. Dopo una prima fase “informativa” le guardie ecozoofile sono passate alle multe ed ai sequestri per chi non rispetta i divieti imposti nell’area del parco

LECCE – Arrivano le prime sanzioni e i primi sequestri di attrezzatura da parte del Corpo delle Guardie Ecozoofile di Anpana per chi non rispetta il divieto di caccia e pesca sull’area del parco naturale del Rauccio. Risalgano all’altro pomeriggio le sanzioni da 52 euro inflitte ai sensi della legge regionale istitutiva del parco, la 25 del 2002, nei confronti di alcuni pescatori che si cimentavano con canna a mulinello e attrezzature varie sugli argini del Bacino Idume, in piena area protetta. Per gli impavidi pescatori è scattato anche il sequestro di tutta l’attrezzatura.

Rauccio, le attrezzature sequestrate

Rauccio, le attrezzature sequestrate Gli operatori Anpana, in particolare le guardie ecozoofile annesse a questa associazione nazionale, facenti capo all’assessorato alle Politiche Ambientali, sono impegnati quotidianamente nel servizio di vigilanza sul parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio. Sotto il coordinamento dell’Ufficio Parco-Settore Ambiente del Comune, se nei mesi passati si sono limitati a svolgere una semplice funzione deterrente e di informazione nei confronti di coloro che si accingevano a svolgere attività di caccia o pesca nell’area di Rauccio, dall’altro pomeriggio, invece, sono passati ai fatti. “Tolleranza zero – commenta l’assessore alle Politiche Ambientali, Andrea Guido – soprattutto per coloro che risulteranno recidivi”. “L’importante ruolo delle guardie eco-zoofile – aggiunge Guido – permette una vigilanza costante che favorisce il rispetto delle leggi, dei regolamenti locali, nazionali ed internazionali in difesa degli animali, della fauna selvatica, dell’ambiente e del patrimonio naturale. Oltre a intervenire in caso di maltrattamento di animali, le guardie eco-zoofile svolgono anche un importante ruolo preventivo, informando i cittadini riguardo alle norme vigenti in termini di benessere animale e sensibilizzando su tematiche protezioniste”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment