Ragazzi a rischio. C’è l’Urban Center

Martano. Oltre 250mila euro dal “Pon Sicurezza” per il recupero di un immobile da destinare ad attività sociali e culturali

MARTANO – E’ finalmente pronto l’”Urban Center” per i ragazzi a rischio devianza. Il progetto di recupero dell’edifico ex Enel di Martano è stato realizzato grazie ai fondi del “Pon Sicurezza” per le regioni dell’”Obiettivo Convergenza 2007 – 2013”. L’”Urban Center’, un immobile di 350 metri quadri (più un vasto giardino), situato nel cuore del piccolo Comune del leccese, ospiterà iniziative sociali e culturali destinate ai giovani segnalati dai servizi sociali e dal Tribunale dei minori, oltre che ai figli di immigrati comunitari e di detenuti. Il progetto, a cui sono stati destinati 261.450 euro, rientra nella linea di intervento diretta a ‘Contenere gli effetti delle manifestazioni di devianza’” come il consumo di droga e alcol in continuo aumento presso la popolazione giovanile (ovvero il 19% di quella residente). L’edificio ospiterà una sala proiezioni e una mediateca, una biblioteca, un internet point, uno spazio per lo svolgimento di laboratori di danza, yoga, teatro, musica, fotografia e informatica. Il Centro offrirà, quindi, ai ragazzi l’opportunità di svolgere attività ricreative e culturali e di apprendere arti e mestieri. Particolare attenzione verrà dedicata alla musica grazie alla presenza di una sala prove e uno studio di registrazione Saranno anche attivati corsi di didattica musicale e di preparazione alla funzione di tecnico del suono. Il progetto era stato ammesso a finanziamento nel giugno 2010.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment