Erbacce ai margini della strada. Il sindaco chiede i soldi alla Provincia

Nociglia. I cespugli rendono pericolosa la percorrenza della Supersano-Nociglia. Martella minaccia le vie legali

NOCIGLIA – Pulizia delle strade provinciali intorno a Nociglia a singhiozzo, visibilità per le auto in diversi tratti ridotta al lumicino, con serio rischio di incendi e incidenti. Il sindaco Massimo Martella dice “basta” e scrive una lettera di “protesta” e allo stesso tempo di “proposta” al presidente della Provincia Antonio Gabellone, all'assessore ai lavori pubblici Como, all'ingegnere Zampino (settore tecnico Provincia) e all'Anas. “Con rammarico sono costretto, mio malgrado, a scrivere – così il sindaco si rivolge a Gabellone – per tentare di risolvere l’incresciosa situazione che si sta protraendo ormai da mesi. Mi riferisco alla mancanza di pulizia della vegetazione limitrofa alle strade provinciali che attraversano il territorio comunale di Nociglia. Uno stato di cose – riferisce Martella – che ho segnalato più volte (via fax e via telefono) contattando il geometra Leo il quale si preoccupa di trovare di volta in volta palliativi, che immancabilmente risultano essere insufficienti e sterili invece di provvedere alla risoluzione del problema”. “Di certo l’attuale situazione non è più sostenibile”, confessa il sindaco di Nociglia. Il quale racconta che numerosi automobilisti arterie sono costretti “ogni giorno a schivare i voluminosi cespugli di erbaccia che sono presenti al lato della carreggiata, ostruiscono la stessa e limitano fortemente la visibilità, con gravi rischi per la sicurezza della circolazione veicolare. Ma costituiscono anche un pericoloso strumento di innesco per gli incendi e la propagazione del fuoco”. Martella si riferisce nello specifico alla strada provinciale Supersano-Nociglia arteria ad alta densità di traffico in quanto collega il centro urbano alle campagne, in questo periodo molto frequentate per via della prossima stagione olivicola, e di collegamento con le strutture sportive cittadine, il cimitero comunale e la zona industriale. Detto questo il sindaco passa alla proposta: “Per agevolare la soluzione di questo problema, chiediamo all’ente Provincia di trasferire ai Comuni interessati un contributo spese quantizzato in base ai chilometri di strada da ripulire affinché siano gli stessi Comuni a provvedere al taglio delle erbacce, in tempi rapidi e a costi sensibilmente ridotti”. Infine Martella avvisa: “Qualora anche questa ennesima istanza dovesse rimanere disattesa, sarò costretto ad adire le competenti vie legali al fine di tutelare gli interessi della collettività che rappresento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!