Found in translation

Due o tre paroline sulla parolina “choosy”

Sei un’amante difficile, perciò sono orgoglioso, ragazza, che tu abbia scelto me. Chi parla, anzi, chi canta (per la cronaca, gli Isley Brothers, decisamente più famosi per aver lanciato questa) ha avuto qualche esperienza sgradevole in passato. Credevo di aver trovato una donna che mi amasse e invece l’ho trovata a letto con un altro. Non faceva la difficile, quella. L’aggettivo qui tradotto con “difficile” (cui lo Zanichelli dei sinonimi aggiunge: “esigente”, “incontentabile”, “schizzinoso”, “schifiltoso”) è “choosy” (o “choosey”), parolina recentemente annessa al lessico italiota tramite dichiarazione di una ministra della Repubblica. Ne è nata una zuffa semantica, perché la vulgata (che in principio fu la Bibbia tradotta da san Girolamo) vuole che nelle traduzioni si perda sempre qualcosa. E invece nelle traduzioni ci si trova, perché ci si capisce. In attesa che gli italiani tornino a parlarsi in italiano, registriamo anche “Choosey Beggar”. I mendicanti non possono fare gli schifiltosi, lo so, ma io mendico il tuo amore, non altri. Insomma: no choose, no love. E in amore come sul lavoro ogni tanto bisognerebbe ricordarsi delle parole degli U2: sì, fabbrica o focolare domestico saranno pure dei templi, ma se prima mi ci fai entrare e poi mi chiedi di strisciare…

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment