Archivio comunale, oggi l’inaugurazione

Lecce. La nuova struttura altamente tecnologica custodisce, catalogati, oltre 14.000 unità archivistiche

LECCE – Il grande lavoro di catalogazione e inventariazione è concluso e tutti gli atti sono in ordine. L’impresa è stata ardua ma finalmente oggi alle 11 nel seminterrato del di Palazzo Carafa, sarà inaugurato il nuovo archivio comunale. Grazie al “Progetto di recupero e fruizione dell’Archivio di deposito del Comune di Lecce”, avviato dal dirigente del settore Affari Generali, Antonio Guido, sarà ora possibile consultare tutti i documenti attraverso un sistema ad alta tecnologia che consentirà di aver a disposizione in pochissimo tempo delibere, determine, protocolli e tutti i documenti relativi all’attività amministrativa del Comune di Lecce. Complessivamente sono state lavorate circa 14.200 unità archivistiche tra faldoni, registri e volumi. L’archivio di deposito sarà messo a disposizione di chiunque voglia effettuare ricerche, studi e approfondimenti. Durante i lavori è stata rinvenuta una preziosa epigrafe in pietra leccese di notevole significato storico. Alla cerimonia di oggi prenderanno parte il sindaco Paolo Perrone, i dirigenti comunali Antonio Guido e Francesco Magnolo, il funzionario responsabile dell’Ufficio Protocollo, Archivio Generale ed Albo Pretorio, Lionella Cofano e l’archivista Daniele Librando.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment