Incidenti in calo, Rc auto in aumento

Lecce. In un decennio i costi di assicurazione sono cresciuti del 98%. E in provincia di Lecce molte compagnie non sono attrezzate per il pagamento bancomat

LECCE – Il numero degli incidenti stradali scende, ma le tariffe Rc auto restano invariate. E’ all’allarme lanciato da Federconsumatori Lecce, dopo aver analizzato i dati Istat 2011 relativi ai sinistri stradali. “Sarebbe logico assistere a una diminuzione proporzionale delle tariffe Rc auto – si legge in una nota dell’associazione -. Ma, a quanto pare, per le polizze rc auto, la logica non esiste. Come avviene da anni a questa parte, infatti, le compagnie di assicurazione, in contrasto con ogni sana pratica di mercato, aumentano in maniera del tutto ingiustificata e ingiustificabile le tariffe. Le percentuali si fanno impressionanti se consideriamo il decennio 2001-2011: per assicurare la propria vettura i costi sono cresciuti di ben il 98%”. Una crescita continua che non accenna a frenare nemmeno nel 2012: secondo l’O.N.F.–Osservatorio Nazionale Federconsumatori, le tariffe rc auto registreranno un nuovo aumento medio di circa il 6% (+ 78 euro a polizza nel 2012 ) portando l’aumento complessivo al 104%. Federconsumatori chiede dunque un intervento del Governo per incrementare la trasparenza e la competitività nel settore. L’associazione segnala inoltre che in molte compagnie di assicurazione della provincia di Lecce non è possibile effettuare il pagamento delle quote assicurative tramite bancomat o carta di credito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment