Tennistavolo. Nardò parte bene

Nardò. Il campionato regionale di serie D2 inizia con una vittoria i trasferta a casa dell’A.S.D. Fidelitas Galatina

NARDO’ – Inizia alla grande la nuova avventura del TennisTavolo Nardò nel campionato regionale di serie D2 girone “E”: vittoria per 5 a 2 in casa dell’A.S.D. Fidelitas Galatina nella prima giornata di campionato. Buona la prima dunque per i ragazzi di mister Salvatore Manca che ottengono i primi due mattoncini della stagione. TennisTavolo Nardò che si schiera con la sua formazione più giovane con Simone Presicce, Matteo Luci e Giorgio Toma; il Galatina che risponde con De Paolis, De Pascali e Nardelli. Nel primo match della gara, il giovane neretino Luci se la cava senza problemi contro Nardelli vincendo per 3 sets a 0. I neretini che si portano subito sul due a zero con Presicce che facilmente contro De Pascali vince per 3 sets a 0. Nel terzo incontro Toma si deve arrendere alla forza d’urto di De Paolis, il quale schiaccia in continuazione tutte le palline, vincendo così per 3 sets a 1. Brutta prestazione del giovane Toma. Ma il Toro si sa rimettere subito in carreggiata con Presicce che vince 3 sets a 0 contro lo sfortunato Nardelli. È il turno di Luci che va a perdere contro uno scatenato De Paolis per 3 sets a 0. Si fa rivedere Toma che esce dal suo momento negativo andando a vincere per 3 sets a 1 contro De Pascali, sfoderando numerosi topspin di dritto. Nell’ultimo match dell’incontro c’è un super Presicce che vince e convince contro De Paolis per 3 sets a 2, il quale soffre i numerosi topspin lenti del neretino. Soddisfatto anche il giovane Simone Presicce: “È stata una buona prestazione, ma per essere al top bisogna lavorare tanto negli allenamenti settimanali, solo così potremmo continuare a fare bene.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment