Alba Service verso lo scioglimento? Rampino: ‘Salviamo i posti di lavoro’

Lecce. La “Spending review” cancella le partecipate senza un valido piano di ristrutturazione. Il consigliere del Pd chiede la convocazione della Commissione

LECCE – “Sforziamoci per difendere i posti di lavoro ed analizziamo al meglio la questione”. E’ l’appello che il consigliere di minoranza (Pd) della Provincia di Lecce Alfonso Rampino lancia al Consiglio. Al centro del suo allarme il futuro di Alba Service, società partecipata dalla Provincia di Lecce, e soprattutto dei suoi dipendenti. La “spending review” infatti impone entro il 31 dicembre lo scioglimento o l’alienazione delle società partecipate a meno che esse non abbiano un valido piano di ristrutturazione. Tuttavia, tali disposizioni non si applicano alle società che svolgono servizio di interesse generale, anche aventi rilevanza economica. “Proprio partendo da quest’ultima precisazione – dice Rampino – è opportuno sottolineare che l’attività svolta da Alba Service può essere distinta in due diversi rami: servizi di interesse generale; servizi strumentali all’attività dell’Ente proprietario. Non c’è dubbio, infatti, che l’attività di manutenzione di strade, di ripristino di sedi stradali post incidenti e soprattutto la manutenzione di edifici d’uso pubblico, quali le scuole, siano da considerare nella prima categoria suddetta. A conforto di ciò, è agli atti un parere dell’allora segretario generale che, richiamando la delibera della Giunta provinciale n. 107 del 24/04/2008, confermava come in Alba Service fossero presenti entrambe le tipologie di servizi”. Rampino pertanto chiede di convocare la competenza Commissione consiliare durante la quale discutere ogni possibile strategia per garantire ad Alba Service di continuare nella sua attività.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment