L'Anas paga. E 'fa' notizia

Aziende in ginocchio. 400 milioni di pagamenti arretrati. Sbloccati per decreto

Il governo presterà ad Anas 400 milioni che Anas dovrà restituire entro l'anno. Il gestore di strade e autostrade potrà così pagare le tante aziende piccole e medie messe in ginocchio dai ritardati pagamenti. Lo fa sapere il presidente dell’Ance Lecce, Nicola Delle Donne, sottolineando come i ritardi nei pagamenti delle imprese edili abbiano messo in seria difficoltà tante realtà salentine. L’articolo 34 della bozza del Decreto, approvata ieri pomeriggio, prevede che lo Stato trasferisca all’Anas in via provvisoria i fondi per saldare il debito con le aziende: una specie di prestito che poi il gestore dovrà restituire entro l’anno. Inoltre lo Stato, per mano del Ministero delle Finanze, farà arrivare nelle casse dell’Anas le risorse per fronteggiare i contratti di programma 2010 e 2012, corrispondendo ad essa “le somme conservate nel conto dei residui, per l'anno 2012, del pertinente capitolo del bilancio di previsione dello Stato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment