BeBoxe, buoni propositi sul ring

Copertino. La società del tecnico Francesco Stifani schiera un nutrito gruppo di atleti pronti a dar battaglia ai Campionati Italiani

COPERTINO – La BeBoxe di Copertino, di scena con una nutrita partecipazione di atleti. Oltre a Cristian Specchia, Giuseppe Carafa e i fratelli Angelo e Gilberto Perrone, ad essere protagonisti in questa nuova stagione agonistica, si schierano anche i giovani gemelli di Copertino, Damiano e Nicola Cordella. Domenica scorsa le vittorie dei Perrone (Angelo, Youth kg 49 e Gilberto, Junior kg 46) durante le finali eliminatorie regionali dei Campionati (in programma ad Andria all’interno del palasport), hanno certificato il lasciapassare per le prossime finali nazionali. Cristian Specchia Youth kg 75 di Galatone, ha avuto accesso (per sorteggio) alle finali regionali di scena nel prossimo weekend sempre ad Andria, dove si attendono altre prove importanti per due boxeur della palestra di Via Mogadiscio di Copertino. L’ugentino Giuseppe Carafa, Youth kg 60, proverà a guadagnarsi un biglietto valido per la finale di Catania. Anche per Nicola Cordella, Schoolboy kg 46, si potrebbero spalancare e porte per le prossime finali (a Rimini). Per il gemello Damiano Cordella, Schoolboy kg 44,5 invece, l’assenza di un avversario, ha proiettato direttamente il giovane allievo del tecnico Francesco Stifani, al prossimo appuntamento di scena in riva all’Adriatico. Le Finali per la categoria Youth, si svolgeranno invece a Catania a metà di ottobre, mentre per le categorie Junior e Schoolboy, come già detto l’appuntamento sarà a Rimini a fine mese. “Stiamo lavorando per affrontare i prossimi impegni stagionali – spiega il tecnico Francesco Stifani –. Devo ammettere di conservare un certo ottimismo sugli esiti degli incontri in cui saranno protagonisti i miei allievi. Ovviamente bisognerà prestare la massima concentrazione, senza concedere a ai rispettivi avversari”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment