San Foca. Ritornano in mare otto Caretta caretta

San Foca. Gli esemplari di tartaruga marina sono strati curati presso il Centro recupero dell'Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce “Museo di Calimera”

SAN FOCA – Ritorneranno nel proprio mare gli otto esemplari di tartaruga marina della seie “caretta caretta” curati presso il Centro recupero tartarughe marine dell'Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce “Museo di Calimera”. Il reinserimento avverrà sabato 6 ottobre alle ore 16.30 presso la spiaggia di San Foca (Lido Fontanelle). Le tartarughe curate sono T.Ins., Nina, Castro, Iris, Otra, Capilungo, Bisesto e Adamo, animali di dimensioni ed età differenti recuperati in difficoltà nei mesi scorsi lungo le coste salentine. Alcuni, come Castro, presentavano lesioni a pinne e carapace dovute a impatto con natanti, altri come T.Ins. sono state raccolti in mare in grave difficoltà, altri ancora come la giovanissima (1,290 kg di peso) e sfortunata Bisesto sono stati ricoverati in preda a grave assideramento. Il loro recupero è opera della Rete TartaSalento, che nasce dalla sinergica collaborazione dell’Osservatorio faunistico provinciale di Lecce, il Museo di storia naturale del Salento, la Lega Navale Italiana – circoscrizione Puglia Sud e Basilicata Jonica e la Cooperativa Hydra. Le attività di salvataggio, recupero e reinserimento degli animali sono realizzate in collaborazione con la Stazione zoologica “Anton Dohrn”, il Corpo Forestale dello Stato, la Capitaneria di Porto, la Polizia Provinciale, Giorgio Cataldini, il Servizio Veterinario Asl – Lecce, i Rangers d’Italia (sezione di Lecce). Per assistere all’emozionante ritorno in mare delle tartarughe, interverranno il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, l’assessore provinciale alla Tutela venatoria Salvatore Polimeno, il sindaco di Melendugno Marco Potì, il sindaco di Calimera Giuseppe Rosato, l’assessore con delega al Museo del Comune di Calimera Andrea Pascali. Chiunque avvistasse una tartaruga marina o qualsiasi altro animale selvatico o esotico in difficoltà può contattare il Museo di Calimera ai seguenti numeri: 320-6586558, 320-6586551, 0832-875301.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment