Agroalimentare. Imprese salentine a Dubai

Dubai. La Fiera culinaria Speciality Food Festival and Seafex si terrà dal 19 al 21 novembre. Ci sarà anche Assri-Camera di Commercio di Lecce

DUBAI – Il buon cibo salentino è pronto a prendere il volo per Dubai. Lì si terrà dal 19 al 21 novembre, la Fiera culinaria Speciality Food Festival and Seafex, dedicata alle aziende del settore agroalimentare di qualità. All’evento fieristico ospitato dalle sale dell’International Convention and Exhibition Center di Dubai parteciperà anche l’Azienda Speciale per i Servizi Reali alle Imprese (Assri) della Camera Commercio di Lecce, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti, impegnata da anni nella promozione del food italiano, e con l’Università del Salento Area valorizzazione della ricerca. La delegazione salentina sarà costituita da imprese dell’agroalimentare, dell’ittica e degli spin-off della Ricerca e Sviluppo. Alle aziende partecipanti verrà offerto uno spazio espositivo, nello stand Assri-Camera di Commercio di Lecce ubicato nel padiglione Italia, dove tenere gli incontri con gli operatori che saranno accompagnati da interpreti di lingua inglese e araba. Gli incontri seguiranno un’agenda prestabilita. La partecipazione all’evento è gratuita per le imprese di Lecce interessate (i costi di viaggio ed alloggio sono invece a carico dei partecipanti). Il settore agroalimentare è uno dei settori trainanti dell’export italiano negli Emirati. Il 2011 si è chiuso con un incremento del 14% rispetto al 2010 (oltre 110 milioni di euro di esportazioni), un trend che prosegue ancora nel 2012 (30 milioni di euro di esportazioni negli Emirati arabi nei soli primi tre mesi dell’anno). Per partecipare all’evento occorre inviare la scheda di adesione (scaricabile dal sito www.le.camcom.gov.it) entro l’8 ottobre. Per ulteriori informazioni contattare l’Assri ([email protected]; tel. 0832.684219).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment