Mortalità per tumore. Gabellone chiede i dati

Lecce. Il presidente della provincia salentina ha scritto ai ministri Clini e Balduzzi

LECCE – Alla luce delle allarmanti considerazioni esternate nei giorni scorsi dal ministro dell'Ambiente Corrado Clini, il quale ha riferito di una maggiore mortalità per tumori nella provincia di Lecce rispetto a quella di Taranto, dove ha sede lo stabilimento dell’Ilva, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone ha scritto allo stesso Clini ed a Renato Balduzzi, ministro della Salute, per avere subito conoscenza dei dati numerici e scientifici a cui Clini ha fatto riferimento. Ecco la lettera di Gabellone: Egregio Ministro, dalla stampa ho appreso la notizia di una Sua dichiarazione in merito ad una maggiore mortalità per tumore a Lecce rispetto a Taranto. Inutile dirLe quanto allarme abbia suscitato, non solo nel capoluogo ma nell’intero Salento, una simile affermazione, a cui hanno fatto seguito prese di posizione poco rassicuranti espresse da un oncologo di chiara fama. È evidente che quanto da Lei dichiarato avrà trovato un fondamento scientifico in dati che non sono in nostro possesso e che comunque, come da Lei chiarito, “sono in corso di elaborazione”. A questo punto, sarei grato a Lei e al Sig. Ministro della Salute se mi faceste avere la documentazione da cui è stata tratta l’informazione. Inoltre, considerato che la ricerca non è stata ancora definita, faccio viva istanza perché l’Amministrazione che mi onoro di rappresentare e la struttura tecnica che la supporta siano coinvolte nella fase di completamento dell’indagine sui tumori, sulle loro cause e sull’incidenza che gli stessi hanno come causa di morte nel Salento. A tanto sono indotto nella convinzione che solo la sinergia interistituzionale ed una tempestiva informazione sui risultati raggiunti in materia possano favorire una più pronta risposta anche degli Enti Locali ai bisogni ed alle aspettative della popolazione. Ringrazio sin da ora e porgo distinti ossequi Antonio Gabellone

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment