Rapinatori seriali, incastrati dalle telecamere

Lecce. Tre colpi in meno di 20 giorni. La Squadra mobile di Lecce è risalita agli autori delle rapine messe a segno tra fine agosto ed inizio settembre

LECCE – Tre rapine in meno di 20 giorni. Ed un bottino di circa 8mila euro. Sono finiti in manette ad opera della Squadra mobile di Lecce Mauro Manicardi, 41enne genovese ma residente da alcuni anni a Lecce, e Antonio Conte, 27enne, salentino. Sarebbero loro, secondo la Polizia, gli autori delle tre rapine messe a segno ai danni della filiale Carime di via Gabriele D'Annunzio (22 agosto), della Carige di via Oberdan (7 settembre) e della Arditi Galati di via San Cesario (10 settembre). La tecnica utilizzata era sempre la stessa: uno dei due si fingeva cliente interessato ad aprire un conto corrente e chiedeva informazioni al cassiere. A quel punto subentrava il secondo che, armato di taglierino o coltello da cucina, prendeva in ostaggio l’operatore intimando di consegnare i soldi. La banda è stata riconosciuta grazie ai filmati delle telecamera di sicurezza delle banche, anche perché i due hanno agito sempre a volto coperto o solo camuffati da parrucche. Le perquisizioni domiciliari hanno permesso di trovare gli indumenti immortalati nei video. Nell'autovettura di uno dei due, inoltre, sono stati rinvenuti 150 grammi di eroina e 5 di cocaina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment