Stefàno: ‘Terreni agricoli pubblici ai giovani agricoltori’

Bari. L’assessore alle Risorse agroalimentari accoglie l’appello dei giovani imprenditori di Agia-Cia

BARI – “Fermamente convinto che il ricambio generazionale sia il principale fattore propulsivo dell’agricoltura italiana per il futuro – come evidente dagli oltre 250 milioni di euro erogati in Puglia che hanno consentito l’insediamento di circa 2.000 neoimprenditori agricoli under 40 – ritengo sia fondamentale dare attuazione all’art. 66 della legge 27 del 2012”. L’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno risponde così all’appello dei giovani imprenditori di Agia- Cia-confederazione italiana agricoltori, che hanno chiesto, in attuazione dell’art. 66 della legge 27 del 24 marzo 2012, un elenco completo dei terreni agricoli pubblici da destinare all'affitto o alla vendita a prezzi agevolati per i giovani agricoltori. “Da un lato – spiega l’assessore Stefàno, coordinatore della Commissione Politiche agricole nazionale – nel rispetto del disposto della legge, solleciterò il Ministero delle Politiche agricole per l’individuazione dei terreni di proprietà dello Stato non agricoli e a vocazione agricola, non utilizzabili per altre finalità istituzionali. Dall’altro, mi coordinerò con i colleghi Assessori regionali all’Agricoltura per la ricognizione più rapida possibile dei terreni alienabili, funzionalmente alla loro vendita o locazione ai sensi del comma 7 dell’art. 66”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment