Sostegno agli affitti. 15 milioni dalla Regione

Bari. 12 milioni sono stati ripartiti ai Comuni, i restanti 3 milioni costituiranno le premialità nei confronti dei Comuni che co-finanzieranno il bando

BARI – Più di 15 milioni di euro per sostenere l’accesso alle abitazioni in affitto. E’ il provvedimento approvato ieri dalla Giunta regionale che complessivamente ha stanziato per il “Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione” la somma di 15.651.830,51 euro. Di questi 12.208.427,80 euro sono stati ripartiti nell’immediato ai Comuni, mentre i restanti 3.443.402,71 euro costituiranno le premialità nei confronti dei Comuni che co-finanziano con fondi a carico del proprio bilancio. Nello stanziare la cifra per il Fondo, la Regione ha anche individuato i Comuni beneficiari per il programma 2011. I fondi messi a disposizione della Regione dovranno essere utilizzati dai Comuni che dovranno emanare i bandi di concorso e trasmettere i risultati dei bandi assieme agli atti deliberativi relativi al co-finanziamento, entro e non oltre il 20 dicembre 2012, pena l’esclusione dal beneficio per l’anno 2011. “Di fronte a uno Stato che abbandona gli inquilini al loro destino, azzerando sostanzialmente il proprio sostegno, ridotto a circa 650.000 euro, la Regione mantiene il contributo agli affitti al livello di 15 milioni di euro – ha detto l’assessore alla qualità del Territorio, Angela Barbanente, commentando l’approvazione del provvedimento -: uno sforzo che il Governo regionale sente doveroso per garantire il diritto alla casa alle fasce sociali più deboli in un momento nel quale aumentano situazioni di povertà e marginalità estrema. Per rispondere al meglio a un fabbisogno che si fa sempre più pressante e cospicuo – ha continuato l’assessora- abbiamo condiviso con l’AnciPuglia e le organizzazioni sindacali degli inquilini e dei lavoratori, due linee di azione: la prima è volta a rendere più efficace l’erogazione del fondo affitti, individuando casi di iniqua assegnazione del contributo e definendo criteri che consentono di fornire supporto a chi ha maggiore bisogno; la seconda mira a sollecitare il contributo dei Comuni, che è stato crescente negli ultimi anni grazie alle premialità assegnate dalla Regione e che, in una fase di grave difficoltà economica per le famiglie e di totale disimpegno statale, occorre ulteriormente rafforzare”. Ecco, nel Salento, l’ammontare del finanziamento, Comune per Comune: ACQUARICA DEL CAPO 12.678,54 euro ALESSANO 3.021,73 euro ALEZIO 11.671,76 euro ALLISTE 743,64 euro ANDRANO 331,55 euro ARADEO 4.218,31 euro ARNESANO 4.945,51 euro BAGNOLO DEL SALENTO 329,03 euro CALIMERA 4.342,36 euro CAMPI SALENTINA 13.373,21 euro CANNOLE 376,37 euro CAPRARICA 1.014,52 euro CARMIANO 14.377,22 euro CARPIGNANO SAL. 2.716,41 euro CASARANO 13.453,19 euro CASTRI DI LECCE 2.207,37 euro CASTRIGNANO DEI GRECI 4.635,71 euro CASTRIGNANO DEL CAPO 521,47 euro CAVALLINO 16.399,23 euro COLLEPASSO 2.495,28 euro COPERTINO 10.355,23 euro CORIGLIANO 5.711,66 euro CORSANO 1.828,73 euro CURSI 1.984,42 euro CUTROFIANO 3.393,19 euro GAGLIANO DEL CAPO 426,09 euro GALATINA 14.007,36 euro GALATONE 25.066,72 euro GALLIPOLI 107.531,18 euro GIUGGIANELLO 13,97 euro GIURDIGNANO 197,81 euro GUAGNANO 2.271,84 euro LECCE 229.071,13 euro LEQUILE 21.698,42 euro LEVERANO 9.878,23 euro LIZZANELLO 21.547,84 euro MAGLIE 15.386,66 euro MARTANO 5.813,37 euro MATINO 3.763,49 euro MELENDUGNO 8.597,28 euro MELISSANO 1.866,53 euro MELPIGNANO 1.716,79 euro MIGGIANO 355,46 euro MINERVINO DI LECCE 133,21 euro MONTERONI 23.992,00 euro MONTESANO 144,67 euro MORCIANO DI LEUCA 724,01 euro MURO LECCESE 3.019,21 euro NARDO' 19.986,96 euro NEVIANO 3.002,65 euro NOCIGLIA 400,04 euro NOVOLI 20.900,56 euro ORTELLE 1.017,77 euro OTRANTO 9.276,30 euro PALMARIGGI 199,11 euro PARABITA 4.703,43 euro POGGIARDO 2.870,72 euro PORTO CESAREO 5.253,46 euro PRESICCE 8.700,30 euro RACALE 2.568,88 euro RUFFANO 6.595,42 euro SALICE SALENTINO 3.885,18 euro SALVE 2.108,03 euro SANARICA 744,06 euro SAN CASSIANO 352,07 euro SAN CESARIO DI LECCE 15.625,33 euro SAN DONATO DI LECCE 4.744,69 euro SANNICOLA 5.837,49 euro SAN PIETRO IN LAMA 7.593,02 euro SCORRANO 9.318,67 euro SECLI' 777,44 euro SOGLIANO CAVOUR 2.119,47 euro SOLETO 4.453,06 euro SPECCHIA 1.321,78 euro SPONGANO 213,93 euro SQUINZANO 12.781,62 euro STERNATIA 990,19 euro SUPERSANO 1.816,87 euro SURANO 911,43 euro SURBO 17.234,85 euro TAURISANO 6.816,87 euro TAVIANO 15.205,95 euro TIGGIANO 146,84 euro TREPUZZI 35.157,19 euro TRICASE 4.741,16 euro TUGLIE 7.088,07 euro UGENTO 5.503,05 euro UGGIANO LA CHIESA 2.273,77 euro VEGLIE 7.968,33 euro VERNOLE 5.938,77 euro ZOLLINO 557,21 euro

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment